Build Microsoft 2016

La notizia, per molti potrebbe apparire rimasticata visto che già esistono delle applicazioni di terze parti in grado di emulare una Shell BASH Linux a bordo dei sistemi Microsoft. Ma non è proprio così, visto e considerato che sarete in grado di ottenere il supporto nativo al prompt dei comandi, già visto e rivisto in questi anni a bordo delle distro Unix-Like, anche a bordo del nuovo sistema operativo di casa Microsoft: Windows 10. Una vera e propria novità che conferma i rumors e le indiscrezioni trapelate nei giorni precedenti i merito a questa uova features integrata a bordo dell’ecosistema WIndows che sarà ora in grado di interagire con in binari Linux della Shell di Comando senza passare per tools di terze parti o emulatori virtuali on-system come le Virtual Machine. Lo ha riferito a chiare lettere Kevin Gallo sul palco del nuovo Keynote Build Microsoft 2016:

Questa non è una virtual machine. Non è un tool cross-compiled. Questi sono binari di Ubuntu che girano nativamente grazie alla magia dei sottosistemi di Windows

https://twitter.com/windowsdev/status/715211234702966785?ref_src=twsrc%5Etfw

Ed in effetti qualcosa di magico c’è davvero, visto che molti saranno gli utenti entusiasti di questa nuova estrema funzionalità, giunta a noi grazie alla stretta collaborazione tra Canonical e Microsoft. A breve sarò disponibile all’interno del Windows Store. Rimanete sintonizzati nelle nostre pagine per avere maggiori informazioni al riguardo.

VIA

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteHuawei Mate 8, arriva via OTA il nuovo firmware B170
Prossimo articoloFoxconn acquista Sharp per 3,5 miliardi di dollari