microsoft Lumia 950 XL

Microsoft Lumia 950 XL e Microsoft Lumia 950 hanno ottenuto nuovi aggiornamenti che doneranno loro dei miglioramenti delle prestazioni e funzionalità significative. Il colosso informatico di Redmond sembra essere interessato a rilasciare aggiornamenti con una velocità a dir poco impressionante. Quest’ultimo software è attualmente disponibile tramite il WDRT, Windows Device Recovery Tool in Australia.

Questa, in effetti, è una stranezza visto che normalmente Microsoft invia gli aggiornamenti in modalità OTA, over the air, ovvero via etere. Per Microsoft Lumia 950 e Microsoft Lumia 950 XL presenti sul territorio australiano hanno ottenuto l’aggiornamento numero 10.0.10586.13058 per il sistema operativo e 01078.00027.12206.020xx per il dispositivo mobile. Cosa porterà di concreto il nuovo aggiornamento a questi smartphone? Le migliorie sono molte in Cortana, in Windows Hello, nella schermata di Glance. Sono state aggiunte delle tastiere per il supporto di nuove lingue. Visto che l’aggiornamento passerà per il WDRT è molto probabile che una volta installati gli aggiornamenti sarà possibile la perdita di dati. E’ un mezzo molto strano il WDRT visto che di solito vengono usate altre vie. Bisogna però tenere presente che questo mezzo potrebbe essere usato per non appesantire troppo i server.

Naturalmente sarebbe meglio se gli aggiornamenti per Microsoft Lumia 950 XL e Microsoft Lumia 950 arrivassero tramite OTA poiché questo metodo non costringerebbe gli utenti a fare questo fastidioso backup. Non si sa bene quando Microsoft deciderà di inviare dei nuovi aggiornamenti per questi due dispositivi mobili anche se si sa che il sistema operativo arriverà presto in Italia.

CONDIVIDI
Articolo precedenteApple rilascia iOS 9.2.1 beta 2 per gli sviluppatori
Prossimo articoloHuawei tra poche ore annuncia: Mate 8, Tablet e Smartwatch
  • salvatore vestita

    L’aggiornamento che cita l’articolo è presente da un mese in circolazione ed è il vecchio update 10586.11, correggere l’articolo
    Grazie

    • mirko

      Ciao Salvatore,
      grazie per aver letto l’articolo, effettivamente il tuo appunto è corretto, focalizzandomi sul metodo di trasmissione dell’aggiornamento che è molto importante, non ho prestato attenzione al numero di build