Batteria

La crescita esponenziale delle prestazioni degli smartphone è avvenuta in breve tempo, schermi  più luminosi e flessibili, migliori processori, aumento della capacità delle memorie;  tutta questa “evoluzione tecnologica” non è riuscita però ad “incrementare” un componente fondamentale: “la batteria”.

L’aumento della durata delle batterie è la più grande sfida da affrontare per  i maggiori produttori mondiali di elettronica di consumo. Sapendo questo, Microsoft sta cercando di utilizzare le attuali tecnologie in ambito “mobile” in maniera più intelligente. Ranveer Chandra ricercatore di Microsoft Research ha recentemente rivelato alcune delle idee di Microsoft in questo senso. Una delle idee, sulle quali il colosso di Redmond sta lavorando maggiormente, sarebbe quella di sviluppare dei dispositivi in grado di utilizzare due batterie agli ioni di litio più piccole invece di una sola grande.

Una delle batterie fornirebbe una maggiore quantità di energia, necessaria per le attività più “stressanti” come i giochi, mentre l’altra potrebbe essere utilizzata con una quantità di corrente inferiore; ad esempio durante lo stato di inattività del dispositivo. A quanto pare Microsoft utilizzando questa idea nei suoi laboratori, è riuscita a migliorare la vita della batterie dal 20 al 50%. Attraverso l’uso di un software “prototipo” è in grado di interrompere oppure rallentare l’ attività di tutte quelle app che utilizzano una grande quantità di corrente anche quando non è necessario (come quando vengono eseguite in background), in modo da risparmiare il “consumo” della batteria.  Microsoft non ha rivelato quando tempo occorrerà per l’uso commerciale di questa tecnologia, ma speriamo che ci riesca al più presto.



Hai trovato questa notizia interessante e vuoi ricevere tutte le news di giornata per posta elettronica? Iscriviti alla newsletter di KeyforWeb.it inserendo qui sotto la tua email:


Hai trovato questa notizia interessante e vuoi ricevere tutte le news di giornata per posta elettronica? Iscriviti alla newsletter di KeyforWeb.it inserendo qui sotto la tua email: