microsoft-hololens

Microsoft Hololens, per chi ancora lo disconoscesse, rappresenta il visore per la realtà aumentata targato Microsoft e che, adesso, si rende perfettamente in grado di operare tramite Personal Computer integrando, tra le altre cose, anche una nuova serie di interessanti funzionalità.

Microsoft, di fatto, prosegue il suo cammino nel processo di aggiornamento funzionale ad HoloLens arricchendo il bagaglio di feature disponibili con alcune interessanti aggiunte che verrranno di certo apprezzate dal parco utenza. La prima grande novità riguarda la gestione simulata degli input direttamente nella modalità Unity Play. Trattasi di una Mode simile all’emulatore HoloLens ma molto più veloce. Possiamo, infatti, accedere ad una finestra per via diretta da Unity senza passare per l’import del progetto in Visual Studio e la successiva implementazione sull’emulatore.

Unity Remote Debugging for Microsoft Hololens, invece, è la seconda aggiunta. Attraverso questa funzione si potrà eseguire la propria app sul visore servendosi della Play Mode di Unity, fornendo l’input ed il debug del codicee direttamente.

L’ultima, ma non ultima, novità consiste nel poter collegare in WiFi il visore al PC con una connessione stimata di 60FPS. Sarà, perciò, possibile installare l’applicazione Hololens Remoting (disponibile dalla prossima settimana) ed eseguire qualsiasi prodotto applicativo UWP compatibile con le API Hololens. L’app otterrà una connessione diretta al visore e gli input saranno gestiti direttamente da questa. Sarà, perciò, il PC a svolgere il processing dei dati. In tal caso si potrà sfruttare la potenza di un PC per gestire tasks complessi o sensori secondari da gestire da PC.

VIA

CONDIVIDI