Microsoft in crisi, licenziamenti,

In una recente intervista ad opera di Gamingbolt, Michael Pachter ha riferito dell’intenzionalità di procedere ad un cambio di rotta nella politica di adozione giochi per Microsoft Corporation. La teoria di base, di fatto, vuole che in futuro la casa di Redmond porti le proprie creazioni video ludiche generate per console non soltanto ai PC ma anche su altri device quali, ad esempio, i Microsoft Surface Pro.

Secondo quanto recentemente ipotizzato dall’analista , quindi, si potrebbe dare vita ad una sorta di ecosistema che consenta la migrazione semplificata ed il porting del gaming console su device terzi. Una soluzione che significherebbe davvero molto per il mercato gaming. Ecco quanto riferito dall’interessato:

Penso che Microsoft stia dando vita ad una migrazione da console a PC e sono convinto che , in futuro, pubblicherà dei giochi che potranno essere affrontati anche se non si possiede una console. Attualmente ogni titolo per Xbox può già essere giocato su Windows 10 e penso che prossimamente arriveranno giochi affrontabili anche su Surface Pro. Credo che Microsoft sia pronta ad espandere il mercato dei software con una migrazione del gaming dalle console ad altri dispositivi che le persone possiedono già.

Il flusso di denaro non è legato all’hardware ma ai software e ai servizi online. Apple guadagna moltissimo da iTunes e Apple Store e Microsoft ha capito perfettamente questo aspetto e gli piacerebbe molto diventare come la casa di Cupertino.

VIA

CONDIVIDI