windows media center

Microsoft sta lavorando indefessamente per risolvere tutti i bug presenti nelle sue applicazioni. Fino ad oggi, dieci settembre, si contano ben dodici patch per la sicurezza. Alcuni di questi, cinque, sono stati contrassegnati con l’etichetta di aggiornamento critico ma un altro avrebbe dovuto avere questo livello di priorità ovvero quello riguardante la risoluzione di alcune falle della sicurezza presenti in Windows Media Center.

L’aggiornamento in oggetto si chiama MS15-100 e pone rimedio ad una falla ma, a detta di Microsoft, mai adoperata da nessun hacker. Questo è un grosso problema che può essere risolto unicamente con l’installazione di questo aggiornamento. Trend Micro, importante azienda produttrice di soluzioni aziendali ed utente per la sicurezza informatica, ha scoperto questa grave falla. In pratica chiunque voglia sfruttare questa vulnerabilità dovrà convincere il malcapitato ad aprire un file multimediale con all’interno un codice malevolo. Una volta fatta scattare la trappola l’hacker otterrà gli stessi privilegi del possessore del computer. Si avrà accesso quindi a mail, programmi di messaggistica istantanea e tutti i programmi presenti su quel terminale.

Trend Micro ha dichiarato che una volta cominciato l’attacco informatico non ci saranno altri diritti da ottenere. L’hacker otterrà in questo modo il controllo completo del computer. Ma il problema di Windows Media Center sta nell’estensione di questo programma ovvero .mcl . Risulta essere molto facile, a detta sempre di Trend Micro, cosa che potrebbe spingere altra gente a creare dei virus e malware per questa applicazione. Non bisogna comunque dimenticare che in rete vi sono delle validissime alternative a questo programma.