Dopo averne largamente anticipato la decisione già ad inizio anno, Microsoft passa ai fatti iniziando a bloccare la distribuzione degli aggiornamenti di Windows 7 e 8.1 sui processori di nuova generazione Intel ed AMD.

A esempio infatti, da oggi 14 aprile, ai possessori dei nuovi processori Kaby Lake di Intel che utilizzano Windows 7 o Windows 8.1, tentando di scaricare gli aggiornamenti di sistema tramite Windows Update, verrà mostrato un messaggio che informa del cessato supporto sui vecchi sistemi operativi Microsoft per questi processori di nuova generazione.

Da quanto emerso, Microsoft avrebbe deciso il blocco di tutti gli aggiornamenti, compresi quelli relativi alla sicurezza e quelli critici, anche per alcuni processori Skylake di Intel e Ryzen di AMD.

Questo il laconico messaggio mostrato agli utenti:

“Il PC utilizza un processore che è stato progettato per l’ultima versione di Windows. Dato che il processore non è supportato con la versione di Windows che si sta utilizzando, il sistema salterà gli importanti aggiornamenti di sicurezza.”

Se la scelta di abbandonare praticamente definitivamente il supporto ai nuovi processori su Windows 7 da parte di Microsoft non lascia sorpresi visto che l’azienda di Redmond ha abbandonato il supporto mainstream a questo sistema operativo da oltre 2 anni (gennaio 2015), lascia qualche dubbio la volontà di abbandonare al proprio destino anche Windows 8.1 il cui supporto mainstream in realtà terminerà all’inizio del 2018 (il supporto esteso per i due sistemi operativi terminerà invece nel 2020).

A questo comunque, vista la decisione di Microsoft, il nostro consiglio è di approfittare della nostra guida per l’aggiornamento gratuito a Windows 10 Creators Update da Windows 7 e 8.1 per abbandonare questi vecchi sistemi operativi prima che un possibile problema di sicurezza legato al mancato rilascio di un aggiornamento ufficiale possa creare pericoli al vostro PC e soprattutto ai vostri dati.

CONDIVIDI
Articolo precedenteOfferte TIM ADSL in scadenza oggi 14 aprile: ecco tutti i dettagli
Prossimo articoloSamsung Galaxy S8 ottiene subito un incredibile record
  • passerò ad amd

  • Mattia Borreano

    Io piuttosto passo a Linux ma a Windows 10 non mi piego!