Messenger Lite

Meno pesante e laboriosa e, soprattutto, con un occhio vigile verso i mercati emergenti. E’ con queste caratteristiche pregnanti che Messenger Lite fa il suo ingresso ufficiale all’interno del Google Play Store, dove è disponibile al download da ormai qualche ora. Specie per gli utenti che gravitano attorno ai Paesi in via di sviluppo, segmento quest’ultimo particolarmente fruttuoso in termini di ricavi ed evidentemente al centro delle strategie di Mark Zuckerberg.

Facebook vuol primeggiare in modo pressoché univoco ed unilaterale, e Messenger Lite risponde appieno a svariate esigenze. A far quasi da biglietto da visita è la dimensione dell’applicativo (appena 5.4 megabyte), segno evidente di un deciso cambio di rotta ed un alleggerimento giocoforza necessario per non aggravare la connessione Internet. L’app di messaggistica istantanea mette infatti in rilievo una interfaccia semplice, nel quale predomina la colorazione bianca e con funzionalità ridotte praticamente all’osso. Gli utenti potranno, nello specifico, utilizzare tutte le funzionalità cardine di Messenger – leggasi l’invio di messaggi di testo, foto e link – fatta eccezione delle chiamate vocali/video e pagamenti. Fattori indispensabili affinché Messenger Lite possa aver successo nei Paesi in via di sviluppo, là dove le connessioni sono più lente e gli smartphone disponibili sul mercato meno moderni e prestanti.

Messenger Lite è disponibile al download in Kenya, Tunisia, Malesia, Sri Lanka e Venezuela, con un’espansione capillare ad altri paesi programmata nel corso dei prossimi mesi. Sebbene non indirizzata ufficialmente in Europa e, dunque, anche in Italia, potrete toccar con mano le peculiarità salienti della rinnovata applicazione di messaggistica istantanea di Facebook procedendo ad una installazione manuale dell’APK pubblicato dal <<solito>> ed attento APKMirror: in questo caso dovrete tuttavia attivare preliminarmente l’opzione <<Origini sconosciute>> alla voce sicurezza contenuta all’interno del menu Impostazioni del vostro smartphone Android.

via

CONDIVIDI