LG V30 con Snapdragon 835 per rimediare ad LG G6

LG V30 costituirà la seconda proposta rigorosamente top di gamma del produttore coreano, affacciandosi sul mercato con un discreto anticipo rispetto all’ormai canonica tabella di marcia (ancorata, in origine, attorno al mese di settembre od ottobre). La sensazione è che il nuovo esponente della gamma V di LG possa esser presentato quasi in via del tutto contemporanea rispetto al diretto rivale Note 8, anch’esso indiziato al debutto nel corso di agosto. Indicazioni decisive provengono in tal senso dalla community di XDA Developers, là dove un utente cita espressamente una <<fonte attendibile>> per asserire che il debutto dell’ormai prossimo LG V30 si consumerà a fine agosto.

Al di là della possibile data di presentazione ufficiale, quel che appare interessante è più che altro una anticipazione delle caratteristiche – tecniche ed estetiche – identificanti il nuovo phablet Android di LG. Che, rispetto a quanto occorso nel diretto passato, costituirà giocoforza un deciso punto di rottura in termini meramente strategici, in ossequio al nuovo corso inaugurato – a partire con G6 – dal produttore coreano. Facile ipotizzare dunque un V30 costruito a ricalco con l’attuale top di gamma LG e, dunque, caratterizzato da un display con aspect-ratio in 18:9 e cornici estremamente sottili. Eppure potrebbe non esser questa l’unica novità. La stessa fonte di XDA Developers sostiene infatti che LG V30 segnerà l’abbandono dello schermo secondario, finora caratteristica pregnante della gamma, in luogo di un pannello singolo a tecnologia OLED.

Ma che fine faranno i vantaggi dell’avere un display secondario? La fonte sostiene che, malgrado LG abbia scelto di rinunciare a due schermi, non per questo verranno meno le caratteristiche distintive ormai apprezzate a partire da V10. L’uovo di colombo potrebbe forse esser ricercato nel software, ma anche nella doppia peculiarità targata OLED e aspect-ratio in 18:9. A detta della fonte, un display così congegnato – che, come ormai visto, si staglia più in altezza che in larghezza – si presta assai bene ad accogliere informazioni nella parte alta dello smartphone, senza sacrificare troppo i contenuti. Ed è per questo che, secondo i ragionamenti ipotetici della fonte, LG V30 dovrebbe <<simulare>> tutti i benefici del secondo schermo che si è apprezzato in passato su V10 e V20, con la possibilità in capo agli utenti di poter disabilitare quest’ultimi: in pratica, una sorta di implementazione software più che hardware.

Vedremo ad ogni modo in prosieguo quali saranno le caratteristiche di LG V30, sebbene sulla scena sembrano già delinearsi alcuni punti chiave: su tutti, un solo display, rigorosamente OLED e con aspect-ratio in 18:9.