lg v20

LG Electronics ha presentato un terminale davvero straordinario che condivide molto con il fratello maggiore V10 e che, nel contesto dell’evoluzione tecnologico, ha introdotto una serie di tangibili differenze che, qui in Europa potrebbero concretizzarsi con l’uscita dell’ultimo arrivato in scena LG V20 S. Per il momento, comunque, si è preso in esame il modello attualmente in commercio nei mercati esteri di riferimento, del quale ne è stato effettuato un primo teardown che rivela dei dettagli davvero interessanti.

Dopo esserci resi protagonisti con un torture test perpetrato per mano del noto Youtuber JerryRigEverything, torniamo a parlare nuovamente di LG V20 portando alla vostra attenzione un ulteriore contenuto video voluto dallo stesso interessato che, nella sua ultima video prova, ha evidenziato un livello di difficoltà nella riparazione del device davvero buona, anche per quel che riguarda la dovuta sostituzione del vetro delle fotocamera posteriore.

Diversi utenti, a proposito di quest’ultimo punto, hanno di fatti manifestato in questi giorni il proprio malanimo nel confronti di un vetro posteriore per la fotocamera fin troppo fragile e che, nel breve periodo, deve andare necessariamente in contro a sostituzione certa. In molti, pertanto, si sono detti disposti alla sostituzione ed all’apposizione secondaria di una cover protettiva che non lasci sporgere l’obiettivo dell’LG V20.

L’accesso al vano batteria, come evidenziato nel video, è davvero semplice, così come per il resto delle altre componenti cui si accede tramite l’unmounting di un totale di 21 viti laterali che garantiscono la tenuta della scocca e delle parti che compongono le griglie per gli speaker, il sensore per le impronte digitali ed i Flash-LED.

Tutto, scheda madre compresa, è fin troppo semplice da sostituire ed il video lo dimostra find a subito. Facile, peraltro, anche la sostituzione del display e delle fotocamere. Ancorata, invece, la porta USB. Date un’occhiata al video per farvi un’idea dell’indice di riparabilità di questo straordianrio smartphone:

CONDIVIDI