presentazione render LG V30
LG V30

La presentazione di LG V30 è prevista per il prossimo 31 agosto, proprio un giorno primo della fiera IFA 2017 di Berlino. La società, in occasione dell’evento dedicato al suo prossimo top di gamma, ha aggiornato LG UX alla versione 6.0+.

Questa nuova versione ottimizza l’interfaccia grafica in modo da offrire una maggiore personalizzazione con il display 18:9 FullVision OLED di cui verrà dotato LG V30.

Dalle immagini scovate in rete si può notare l’inserimento di una barra flottante, che prenderà probabilmente il posto del second display conosciuto con le precedenti generazioni di questa serie. Questo nuovo pannello digitale permetterà all’utente di accedere rapidamente a diverse funzioni. Un pò come sui modelli Edge degli smartphone Galaxy, quando non verrà utilizzata, la barra verrà spostata sul lato destro dell’interfaccia così da non interferire con le attività dell’utilizzatore.

LG V30 interfaccia floatSono state inserite anche delle simpatiche funzioni grafiche sulla schermata Always On in cui viene mostrato l’orologio. Infatti, adesso è possibile inserire un immagine, strumenti galleggianti o un comodo lettore musicale.

Introdotte anche delle comode funzionalità dedicate alla sicurezza, come la possibilità di sbloccare lo smartphone con il volto o con la voce senza che lo schermo sia acceso. Quest’ultima modalità di sblocco, interessante in quanto utilizzerà una parola chiave preimpostata dall’utente, utilizza una nuova tecnologia UI Aqstic di Qualcomm.

LG V30 always onLentamente LG V30 sta diventando uno smartphone sempre più interessante e potrebbe dare del filo da torciere alla concorrenza durante IFA 2017. Sicuramente gli amanti del second display delle vecchie generazioni della serie V saranno delusi da questa nuova tendenza, ma di certo la sua assenza viene compensata ottime funzioni.

VIAAndroidPolice
FONTEPhonearena
CONDIVIDI
Articolo precedenteiPhone 9 sempre più lontano da Samsung Galaxy S9, un bene o un male per la società?
Prossimo articoloHTC U11 non è stato abbastanza, l’azienda chiude in rosso anche il Q2 2017