apple crittografia iphone attentato san bernardino

L’FBI è riuscita nel suo intento, ossia quello di sbloccare l’iPhone del terrorista di San Bernardino ed ora dopo aver concluso la causa contro Apple rivela delle novità interessanti. Proprio per questa ragione, se dovesse essere opportuno, andrà ad aiutare la polizia locale a sbloccare un iPhone. Sicuramente non sarà felice Tim Cook nell’apprendere questa dichiarazione, ma non potrà fare niente per contrastare le decisioni dell’FBI se non che rilasciare spesso aggiornamenti per consentire ai suoi utenti di preservare al meglio la propria privacy.

I federali hanno affermato che – “Aiuteremo tutti i corpi di polizia degli Stati uniti che hanno nelle loro indagini un dispositivo bloccato a cui non riescono ad accedere”. Realizzare un sistema sicuro è il “motto” della società Apple tanto che da quando è nata si batte per questo: il suo sistema iOS è molto difficile da hackerare, ma sembra che l’FBI abbia trovato delle valide persone per riuscire nel suo intento.

Quindi bisognerà fare attenzione a come si utilizzano i propri dispositivi perché i dati che siamo soliti tenere non sono inaccessibili e su questo abbiamo recentemente avuto una conferma. Che cosa ne pensate al riguardo?