In tempi relativamente recenti, Microsoft Corporation ha annunciato il temporaneo abbandono al supporto smartphone basati su Windows 10 Mobile a favore di una maggior concentrazione di risorse nel comparto di sviluppo software per la piattaforma. Scelta che, per molti produttori indipendenti come Lenovo, è corrisposta ad un netto rifiuto nel settore produzione.

Lenovo, così come altri illustri OEM, ha infatti espresso a chiare lettere l’intenzionalità di non procedere alla realizzazione di supporti mobile basati sulla release mobile di Windows 10.
Di fatto, nel corso del Canalys Channel Forum 2016, il Direttore Operativo Gianfranco Lanci ha dichiarato quanto segue:

Non vedo il bisogno di presentare un Windows Phone e non sono neanche completamente convinto che Microsoft supporterà i telefoni in futuro

Il Direttore, in seguito, ha anche posto in evidenza il successo del sistema all’interno del settore Desktop e Business. Nonostante questo, Lenovo (partner di Microsoft per il settore PC) si è detta contraria alla realizzazione di progetti che vertessero sul piano delle creazioni mobile.

Windows 10 Mobile. d’altro canto, ha di fronte a se un futuro assai incerto nonostante, come anticipato all’inizio, il colosso di Redmond si sia limitato a concedersi un blocco solo temporaneo che, ad ogni modo, non lascia intendere un roseo futuro. Un fatto che si ripercuote anche sull’impossibilità di avere Universal App tali da rendere agevole la comunicazione bidirezionale tra le diverse piattaforme basate su W10. DI fatto, per il momento, il 67& degli utenti proviene da Windows Xp, 7 ed 8.1.

Una scelta, quella di Lenovo, che di certo non è campata per aria, ma è frutto di un’attenta fase di osservazione, secondo non non del tutto sbagliata, sulle sorti della piattaforma.

VIA