Lenovo conferma: Moto Z2 Play avrà batteria da 3.000mAh. E la presentazione…

0
Moto Z2 Play

Moto Z2 Play esiste per davvero e, benché non ancora presente sul mercato, verrà ufficializzato entro qualche settimana. Forse già a partire da quell’otto giugno, data sussurrata in queste ultime ore dai bene informati. A suggellare la già cospicua dose di indiscrezioni è infatti la stessa Lenovo, evidentemente intenzionata a metter in chiaro alcuni aspetti abbastanza chiacchierati in rete e, di conseguenza, oggetto di appigli e perplessità.

Lenovo si è insomma premurata a confermare indirettamente l’esistenza di Moto Z2 Play, senza entrar troppo nel dettaglio e sorvolando di conseguenza l’intera scheda tecnica dello smartphone. A quello servirà la presentazione ufficiale, ma nel frattempo c’è da risolvere definitivamente una <<questione>> trattata più volte dai maggiori siti internazionali: la durata della batteria. Il predecessore, Moto Z Play, ha fatto dell’autonomia (ma anche dell’equilibrio generale, aggiungeremmo noi) il proprio punto di forza, dall’alto dei suoi 3.510mAh accoppiati ad un processore (lo Snapdragon 625) ottimizzatissimo in termini di prestazioni e risparmio di energia.

Sin dalla prima trattazione dei rumors aventi ad oggetto Moto Z2 Play, è subito emerso un fattore per certi versi opposto: la batteria ridotta nella sua capacità rispetto al modello attualmente in commercio. Circa il 30% in meno, come confermato peraltro ieri dalla certificazione dell’ente governativo cinese TENAA. Lenovo non ha perso tempo a fare chiarezza, stoppando qualsivoglia voce in merito: in risposta ad una domanda di un utente, il colosso cinese ha sentenziato a mezzo Twitter che <<Moto Z2 Play avrà una batteria non removibile da 3.000mAh>>. Tutto sommato un valore equiparabile ai 2.820mAh messi in luce ieri dalla TENAA.

L’abbattimento della capacità della batteria è insomma certo ed ufficiale, ma ci aspettiamo ad ogni modo uno smartphone che possa esser bastevole nella sua autonomia. Le indiscrezioni più accreditate confermano infatti la presenza di un processore Snapdragon 626 di Qualcomm (in pratica una sorta di Snapdragon 821, nel senso di un incremento della frequenza operativa – da 2.2GHz – rispetto all’apprezzato Snapdragon 625), in coppia con 4 gigabyte di memoria RAM e fotocamera da 12 megapixel con apertura focale f/1.7. In pratica lo stesso sensore (mutuato peraltro da Galaxy S7 di Samsung) incastonato su Moto G5 Play. Che tra le altre cose ha una batteria proprio da 3.000mAh e una autonomia valida.

Attendiamo ad ogni modo il prossimo otto giugno per toccare con mano quelle che saranno le caratteristiche del nuovo smartphone modulare (la compatibilità con i MotoMods è infatti pressoché scontata).