Vediamo insieme quali sono le 5 migliori Tastiere Android, disponibili sul Play Store.

Android possiede un suo software di tastiera, e con il nuovo aggiornamento Lollipop, se la cava anche egregiamente. Ma per chi ha provato le tastiere di terzi, ha potuto notare che con queste App esterne, la scrittura è molto più semplificata e veloce, si ha un dizionario multilingue molto più vasto e la possibiltà di usare molteplici skins e temi colorati, che la rendono molto più personalizzata e gradevole agli occhi. Senza dimenticare il fattore sicurezza poi: digitare password e Pin su smartphone, ha sempre la sua dose di rischio: le app che vi mostreremo, vi garantiranno anche una maggiore privacy e sicurezza per la navigazione sul web.

Oggi vi mostreremo, le 5 migliori tastiere per Android, secondo il nostro parere, che non possono mancare sul vostro Smartphone: starà a voi scegliere, quella che preferite di più.

SwiftKey

Quando si parla di tastiere, non si può non citare SwiftKey, una tra le applicazioni Android più popolari di tutti i tempi. Per anni SwiftKey è stata preferita alla tastiera predefinita di Google e infatti era, ed è, preinstallata su moltissimi dispositivi. Per chi non possiede questi dispositivi, il Play Store offre la possibilità di averla, ovviamente e piacevolmente in versione gratuita (lo è da poco, inizialmente era a pagamento) in tutte le sue funzionalità, lasciando acquisti-in-app, solo per qualche pacchetto extra di Skins colorate. Da poco ha anche aggiunto la visualizzazione di emoji (emoticons) alla digitazione delle parole chiave delle stesse. Il metodo principale di SwiftKey si chiama fluency engine, ed è ciò che ha reso questa tastiera la scelta preferita di moltissimi utenti.

Ecco alcuni screenshot della tastiera e il link per scaricarla:

Badge-Google-Play

 

Swype

Altro gioiellino nelle App di tastiere alternative è Swype; è la diretta concorrente di Swiftkey, degna rivale e quasi allo stesso livello, se non per la preferenza estetica personale, di una o dell’altra. Entrambi sono prodotti completi, apprezzati e ricchi di funzionalità aggiuntive. Swype offre naturalmente come Swiftkey, la possibilità di scrivere con il metodo veloce Flow, e permette di scrivere in due lingue contemporaneamente – molto comoda per le chat con utenti di nazionalità mista o chi in genere usa abitualmente un’altra lingua oltre alla propria.

Swype ha una versione sia gratuita (Swype Keyboard Free), che una a pagamento (Swype Keyboard). Anche qui i temi aggiuntivi vanno acquistati separatamente, e la gamma è molto vasta. Swype si affida alle funzioni TalkBack ed Explore By Touch, che la rendono adatta alle persone ipovedenti. La funzione taglia/copia/incolla è integrata e ha gesti dedicati.

Ecco alcuni screenshot della tastiera e il link per scaricare le due versioni:

Badge-Google-Play
Swype Keyboard Free
Badge-Google-Play
Swype Keyboard

 

Tastiera Google

Originalmente la tastiera ufficiale di Google, non era molto completa, sopratuttto in confronto a prodotti migliori come SwiftKey o Swype. Negli ultimi tempi però è migliorata molto e ora può competere egregiamente con la concorrenza. La Tastiera Google è gratuita, permette di usare le gesture per scrivere sia parole che intere frasi, è compatibile con molte lingue, ha qualche tema personalizzato (molto meno dei diretti rivali).

Fu la prima tastiera a integrare le emojii. Questo dettaglio da solo portò molti utenti a scegliere la tastiera Google, mentre i concorrenti si stavano adeguando. Anche la tastiera Google integra  il riconoscimento vocale di Google, conosciuto come text-to-speech, da usare per dettare il testo quando impossibilitati a digitarlo con le dita. Per quanto riguarda la funzione di predire la parola che si sta scrivendo invece, non è proprio eccelsa, ma l’auto-apprendimento integrato (dai Social Network o le Chat di Messaggistica) la completa gradualmente.

Ecco alcuni screenshot della tastiera e il link per scaricarla:

Badge-Google-Play

Fleksy

Flesky è una tastiera dalla grafica minimalista, impreziosito da temi molto vari e carini: se volete una tastiera pratica ma che sia anche bella agli occhi, Flesky è la scelta migliore. Come Swype, esistono due versioni: Tastiera Fleksy Gratis + Emoji gratuita, e Tastiera Fleksy + Emoji a pagamento. Oltre alle personalizzazione più tipiche, come una quinta riga dedicata ai numeri e layout diversi da QWERTY o DVORAK, la tastiera Flesky permette di usare estensioni per spedire GIF o altro. Un’altra caratteristica interessante di Flesky è il sistema di premi e badge, che stimola gli utenti a usare quest’applicazione nel migliore dei modi. L’unica pecca però, è il fatto che il prezzo sia un pò elevato rispetto alle altre: al momento infatti, sul Play Store c’è bisogno di sborsare 1,69€ , per acquistare la versione completa.

Ecco alcuni screenshot della tastiera e il link per scaricare le due versioni:

Tastiera Fleksy Gratis + Emoji
Tastiera Fleksy Gratis + Emoji
Tastiera Fleksy + Emoji
Tastiera Fleksy + Emoji

 

TouchPal

Touchpal (nello store è chiamata Italiano TouchPal Tastiera) rispetto alle altre incluse in questo articolo, è la meno conosciuta. Eppure è un prodotto molto valido con alcune funzioni specifiche davvero utili, grazie a cui ha già totalizzato oltre 10 milioni d’installazioni.

La tastiera TouchPal è gratuita, ma anche qui si pagano i temi aggiuntivi e la sincronizzazione cloud. Si può però impostare un’immagine di sfondo personalizzata gratuitamente, scegliendola nella nostra collezione. Sono tre tuttavia le cose che hanno fatto finire TouchPal tra le prime 5 tastiere Android: lo stretto dialogo tra sviluppatori e utenti della beta, lo scorrimento dalla barra spaziatrice per cancellare l’ultima parole, e quello verso l’alto (sempre dalla barra) per accedere alla galleria di emoji – che include quelle di sistema e altre.

Ecco alcuni screenshot della tastiera e il link per scaricarla:

Badge-Google-Play

Queste sono le 5 tastiere più famose e scaricate nello store di Android, e secondo il nostro parere, quelle che più meritano di essere installate. A voi la scelta.

CONDIVIDI
Articolo precedenteL’Expo 2015 è a prova di hacker, parola di ESET
Prossimo articoloLa rubrica del lunedì – Tech Edition