indossabili

Ormai da quasi due anni il mercato ci propone dispositivi indossabili. Si tratta di implementazioni tecnologiche all’avanguardia anche su dispositivi che talvolta sono più.. “banali”! Dunque: come rendere interessante un orologio, o un anello, o un braccialetto? La risposta è: mettendoci un display touch, un milione di sensori, Android (e non solo) e facendolo parlare! Scontate sono altre feature come l’impermeabilità e la cura per il design ovviamente..

Il settore più avanzato in cui si sta lavorando fino ad ora e su cui ancora si può e si deve lavorare, visto che promette bene, sono proprio gli orologi e i braccialetti (le smartband). Mentre riteniamo l’unico anello presentato fine a sé stesso, in quando è uno sfizio davvero superfluo, ma carino!

Due dei più grandi brand che hanno creduto in questo tipo di innovazione sono proprio Samsung e Sony. La prima ha ormai battezzato parecchi modelli, e all’ IFA 2014 ha presentato il Samsung Galaxy Gear S: una vera rivoluzione nel campo degli indossabili. Può essere inserita una Nano Sim e quindi rispondere a chiamate e messaggi come fosse un vero e proprio smartphone al polso (si consiglia l’utilizzo di auricolari bluetooth per non parlare col proprio polso e sembra ridicoli agenti segreti). Sony, dopo il successo del suo Smartwatch 2 e della smartband ha lanciato i sue due successori che migliorano i precedenti in ogni aspetto (eccetto l’autonomia dello smartwatch che è diminuita drasticamente per via di Android Wear).

Ma i dispositivi che più di tutti hanno attirato l’attenzione sono il Motorola Moto 360 e LG G Watch R per la loro particolare forma circolare che gli conferisce l’aspetto di un vero e proprio orologio e anche grazie all’aggiunta di cinturini in metallo per il Motorola. Adesso anche Apple si lancerà sul settore con il suo iWatch.

CONDIVIDI
Articolo precedenteSamsung attacca ancora Apple con sei spot su Galaxy Note 4 e sulle mancanze di iPhone 6 !
Prossimo articoloConsiderazioni sui nuovi iPhone 6 e iPhone 6 Plus