Fieg

Dopo i problemi, risolti per sua fortuna, con gli editori tedeschi ora a scagliarsi contro le politiche amministrative di BigG sono gli editori italiani che chiedono più trasparenza. Molte testate del nostro Paese e molti blog vivono dei ricavi che attingono dalle inserzioni di Google ma Google continua a tenere il riservo sui reali introiti che percepisce da esse.

Così la Fieg, Federazione italiana editori di giornali, ha depositato una memoria presso il Tar in cui chiede che Google si decida presto a rendere pubblici i conti di bilancio che riguardano le inserzioni presenti sulle varie testate nazionali. Si chiede più trasparenza al colosso dell’advertising.

Dalla Fieg, che appoggia così la battaglia portata avanti dall’Agcom, ci si chiede come sia possibile che un colosso che detiene il controllo del 90% del mercato dell’advertising europeo e fattura oltre un miliardo di ricavi possa comportarsi come meglio crede. Si chiede quindi che Google sia compresa in quell’insieme di aziende obbligate a pubblicare in chiaro i propri ricavi.

CONDIVIDI
Articolo precedenteUber raggiunge guadagni pari a Facebook, presto in borsa?
Prossimo articoloBB Suit 0.2: arriva la tuta anti smog