La bufala dei 35 euro Enel spiegata dall’azienda: aumenti reali, queste le cifre

La bufala dei 35 euro Enel spiegata dall’azienda: aumenti reali, queste le cifre

La verità assoluta sulla bufala dei 35 euro Enel è finalmente servita, grazie ad un comunicato ufficiale che ha atto la sua apparizione in Rete nel corso delle ultime ore. Tutto merito dell’annuncio da parte di Enel riportato in anteprima assoluta da prefissoitalia.it, con cui finalmente potremo avere le idee più chiare su questa vicenda. Diamo dunque continuità a quanto riportato nelle scorse ore, quando abbiamo condiviso coi nostri lettori il comunicato di Codacons che aveva iniziato a fare chiarezza su questa vicenda, ma soprattutto cerchiamo di capire quali sono gli aumenti che potrebbero giungere sulle nostre bollette in merito a luce e gas.

Cosa ci dice esattamente il nuovo comunicato Enel? In primo luogo, semmai ce ne fosse bisogno, conferma ancora una volta che la bufala dei 35 euro Enel è incentrata appunto su una catena Whatsapp che alimenta disinformazione e crea falsi allarmi. A studiare il caso sarà più in particolare l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA), che determinerà eventuali costi extra per gli utenti.

Enel però ci tiene a sottolineare che gli aumenti di cui si parla in primo luogo saranno dovuti al mancato versamento da parte di alcune imprese venditrici e non, contrariamente a quanto trapelato nel corso delle ultime ore con l’ormai celebre messaggio Whatsapp, ad altri clienti morosi. Insomma, la morale della favola è che se in futuro saremo costretti a fare i conti con un piccolo aumento, questo non sarà dovuto ai cosiddetti furbetti.

Infine, a proposito della bufala dei 35 euro Enel, il noto gestore fa sapere che l’eventuale aumento non sarà pari alla cifra circolata in questi giorni, ma al più al 2% degli oneri di sistema. Insomma, un valore davvero minimo che non dovrebbe cambiarci la vita e che rende del tutto ingiustificato l’allarmismo che si è venuto a creare di recente tramite la nota app di messaggistica.

 
Hai trovato questa notizia interessante e vuoi ricevere tutte le news di giornata per posta elettronica? Iscriviti alla newsletter di KeyforWeb.it inserendo qui sotto la tua email: