Con la nuova App chiamata Kibo, è possibile inviare messaggi criptati leggibili solo dal destinatario, proteggendo il testo da occhi indriscreti.

Chi utilizza Whatsapp o Facebook, è consapevole del fatto che la sua privacy può essere violata, e può capitare che cercando di organizzare una festa a sorpresa per un amico, proprio il festeggiato venga a saperlo, magari buttando l’occhio su una notifica a comparsa di un cellulare degli invitati o in una stanza chat creata per l’evento: ovviamente la sorpresa è rovinata, ma fin qui è il male il minore. Quante volte abbiamo la necessità di scrivere messaggi veramente privati e delicati, e non possiamo correre il rischio che qualcun altro oltre l’interessato, possa leggerli? Ecco risolto il problema: Kibo, una app che consente di nascondere i messaggi privati in qualsiasi chat tramite un ‘lucchetto‘.

kibo

Come funziona Kibo. Il funzionamento è semplice: ci sono due spazi dove poter scrivere messaggi – nel primo l’utente scrive quello che può essere visibile a tutti nella chat, nel secondo accessibile tramite la pressione del tasto del lucchetto, va scritto il testo che deve rimanere privato. Il messaggio scritto con il lucchetto attivo viene convertito in un codice criptato, e per sbloccarlo bisogna copiare il testo e incollarlo nella tastiera Kibo. Ovviamente, il tutto può funazionare solo se sia il mittente che il destinatario hanno l’applicazione installata. Questo messaggio nascosto non viene mostrato né nella conversazione né nell’anteprima del messaggio sulla schermata di blocco, e serve una password per accedere alla tastiera per la conversione del codice nel testo leggibile.

“Mentre si scrive proprio come un messaggio normale per un mittente, un messaggio inviato con tastiera Kibo ha una parte nascosta che è visibile solo al te e al tuo amico. Questo messaggio nascosto non viene mostrato né nella conversazione né nell’anteprima del messaggio sulla schermata di blocco. Per mantenere ancora più privacy, è possibile impostare un codice per accedere ai messaggi privati.”

Utilità di Kibo. L’ applicazione Kibo è utile per mantenere la vostra privacy agli occhi di parenti e amici che magari prendono in mano il vostro telefono e vogliono curiosare le conversazioni. C’è da dire che se anche un vostro genitore, per esempio, conosce il funzionamento di Kibo, lui può copiare il testo e incollarlo nella tastiera Kibo ma non può renderlo visibile, in quanto c’è una password di protezione stabilita dall’utente.

I punti di forza di Kibo per gli sviluppatori Vitaly Halenchik e Kiril Davydov sono:

  • Usabilità: perchè permette di inviare messaggi nascosti a chiunque nella rubrica con qualsiasi servizio di messaggistica;
  • Affidabilità: perchè Kibo lavora su tutte le applicazioni di servizi di messaggistica più famosi e che già utilizzate;
  • Privacy: per essere sicuri che i vostri messaggi nascosti rimangano tali;
  • Velocità: perchè come Swiftkey per esempio, è possibile usare frasi preimpostate per accelerare la composizioni di frasi;

Dove vengono salvati i messaggi? Gli sviluppatori di Kibo tengono a precisare questo: “Facciamo un sacco di lavoro per garantire la riservatezza delle comunicazioni. Stiamo salvando tutti i messaggi utilizzando il nostro server speciale, ma tutti i messaggi sono salvati in forma anonima – nessuno può associare qualsiasi messaggio ad un utente specifico. Inoltre, per proteggere i dati forniti dagli utenti, usiamo la crittografia e non memorizziamo i messaggi normali.”

Dove scaricare Kibo. Se interessati a provare l’app, Kibo è al momento disponibile solo per telefoni iOS di Apple, ed è scaricabile gratuitamente dall’App Store.

Badge Apple store

CONDIVIDI
Articolo precedenteFacebook imita Google, arrivano le schede in stile Google Now
Prossimo articoloPopcorn Time chiude definitivamente cedendo a Butter e Netflix