iPhone X sotto i ferri durante il test di JerryRigEverything

iPhone X sotto i ferri durante il test di JerryRigEverything

Dopo diverse settimane di attesa ieri finalmente è arrivato il nuovo Apple iPhone X in vendita negli store ufficiali, lunghe code per l’acquisto del nuovo gioiellino prodotto dall’azienda di Cupertino non hanno tradito le aspettative nonostante il flop dei modelli di iPhone 8 al Day One.

Il nuovo device borderless è stato apprezzato da milioni di utenti, non poteva però certo mancare il test dello youtuber JerryRigEverything che sotto la lente ha deciso di riservare il conosciuto trattamento di Scratch, Burn e Bend Test.

Apple iPhone X: il test di resistenza più temuto

Il test, come di consueto, inizia con la prova di resistenza del vetro che in questo caso è valida sia per il pannello frontale che posteriore. Il dispositivo, rispetto alla gran parte dei top di gamma 2017 proposti dalla concorrenza, mostra delle serie difficoltà già alle sollecitazioni di livello 6 della scala Mohs. Ciò dimostra che, nonostante Apple abbia dichiarato di aver utilizzato un vetro particolarmente resistente per realizzare iPhone X, questo non è effettivamente il risultato che tutti ci aspettavamo.

Fortunatamente le sollecitazioni della lama non hanno particolare effetto, sia sul vetro che sulla griglia di protezione della capsula auricolare praticamente impossibile da rimuovere o danneggiare gravemente con le diverse prove.

Proprio come dimostrato dal test di resistenza iniziale, nonostante in versione bianca fortunatamente i graffi non siano ben visibili, la scocca mostra i segni della lama in prossimità del logo posto al centro. Lo stesso youtuber consiglia durante il video l’acquisto di alcune pellicole di protezione per lo smartphone visto il costo decisamente alto.

Il frame laterale si graffia molto facilmente, ma non viene danneggiato in modo particolare. Risulta invece semplice da rimuovere la gomma plastificata che unisce i due pannelli al bordo in metallo. Il comparto fotografico è protetto dallo stesso vetro che compone tutto il resto del dispositivo, purtroppo però non è incluso sopra il flashLED che viene graffiato molto facilmente a causa della copertura in plastica.

Particolarmente positivi, invece, sono i risultati ottenuti durante i test di resistenza al fuoco ed al piegamento. Ci sono voluti ben 25 secondi prima che il calore della fiamma abbia provocato malfunzionamento al display del nuovo Apple iPhone X, un risultato fino ad ora mai visto con i prodotti della concorrenza. Durante il piegamento, invece, il top di gamma riesce a resistere ad una forza superiore rispetto a quella solitamente utilizzata. Probabilmente ciò è dovuto alla qualità costruttiva ed alla presenza di una doppia batteria che rende ancora più robusto tutto il device.

Un risultato sicuramente positivo sotto alcuni punti di vista, negativo invece per altri aspetti. Importante sottolineare, però, che un semplice danneggiamento del frame laterale nel caso di questo smartphone può comportare una spesa di circa 500 euro.