apple crittografia iphone attentato san bernardino

La polizia di Los Angeles ha sbloccato qualche ora fa un iPhone 5s appartenente a Michael Jace, famoso attore che ha brutalmente ucciso sua moglie nel maggio del 2014. Fra le varie prove esaminate dal giudice c’era il dispositivo appartenente all’attore. Dopo aver interpellato Apple (che ovviamente non ha fornito agli inquirenti il codice di sblocco né un metodo valido per sbloccarlo), la polizia di Los Angeles ha chiamato un abile hacker che è riuscito in qualche modo ad eludere le impostazioni di sicurezza del sistema operativo iOS. Grazie a questo hacker la polizia di Los Angeles ha potuto accedere alle informazioni di Michael Jace presenti sul suo iPhone.

L’hacker non ha svelato il metodo che gli ha permesso di sbloccare l’iPhone dell’attore

La polizia di Los Angeles non ha spiegato quale metodo abbia utilizzato l’hacker per sbloccare il dispositivo, ma è probabile che il metodo adottato non differisca molto da quello utilizzato dall’equipe di hacker che hanno dato una mano all’FBI per sbloccare l’iPhone del terrorista che ha perpetrato la strage di San Bernardino.

Via

CONDIVIDI
Articolo precedenteOppo R9 Plus: in Cina venduto anche nella variante da 128 GB
Prossimo articoloASUS presenta il nuovo ripetitore wireless RP-AC68U