Lo scenario attorno alle caratteristiche di iPhone 8 sembra esser pressoché standardizzato e definito, in ossequio a indiscrezioni puntuali e tutto sommato convergenti. Certo, c’è da fare i conti con la <<questione>> commercializzazione ed ai consequenziali scostamenti, in termini di date, rispetto ai successori degli attuali e più tradizionali iPhone 7 e 7 Plus. Che dovrebbero, per inciso, esser immessi sul mercato con deciso anticipo, benché il trittico di terminali griffati Apple verrà presentato tutto insieme in un’unica data (forbice temporale attualmente oscillante tra il sette ed il nove di settembre).

Inevitabile comunque che l’attenzione degli utenti sia catalizzata verso il modello più particolare e pregiato, finora conosciuto come iPhone 8 e da più parti ritenuto il vero smartphone innovativo che il produttore californiano metterà in mostra tra poco più di un mese. Il design borderless, unitamente a componentistiche hardware aggiornate faranno da contraltare a tutta una serie di accorgimenti (display OLED dapprincipio) e migliorie. Resta ancora sul banco l’altra <<questione>> che gravita attorno alle caratteristiche di iPhone 8, il Touch ID, che potrebbe pur tuttavia espunto appannaggio di un’altra tecnologia: lo scanner dell’iride. E’ quanto sostenuto, ad esempio, da una fonte in possesso del sito macotakara, riverberata in una equivocabile immagine tutt’altro che ufficiale e dunque ancora oggetto di conferme. L’indiscrezione mette in evidenza una porzione frontale del nuovo iPhone 8, con tanto di descrizione ai <<forellini>> che dovrebbero lasciare spazio a componentistiche hardware: nel caso di specie, le estremità della parte alta fanno da contorno ad un lettore di scansione dell’iride che potrebbe esser ribattezzato, per l’occasione, sotto il nome di <<Face ID>>.

iPhone 8 come Galaxy S8 (e prima ancora Note 7) e Note 8? Vedremo, anche perché bisognerà valutare in primo luogo la veridicità della fonte e in subordine acclarare la presenza del Touch ID, dal momento che gli ultimi smartphone Samsung top di gamma sono insigniti di ambedue le tecnologie di riconoscimento. Quel che appare certo è che il prossimo dispositivo a firma Apple sarà dotato di un modulo di ricarica wireless, alla prima apparizione all’interno dell’universo di terminali mobile con a bordo iOS.