iPhone 8, cambio di strategia: Apple potrebbe spostare dietro il Touch ID

iPhone 8

Quando si parla di iPhone 8 ci si aspetta sempre una qualche novità o caratteristica distintiva, tale da rendere ancora più marcato il salto generazionale rispetto agli attuali modelli in commercio. La carta in serbo di Apple dovrebbe essere legata soprattutto all’aspetto estetico, come può d’altronde evincersi dalle copiose indiscrezioni rincorse in questi ultimi mesi. Samsung ha pescato fuori dal mazzo uno smartphone elegante e con cornici ridotte, e ci si aspetta adesso che il colosso di Cupertino sappia aggiornare bene l’estetica – sicuramente apprezzata e tale da far da musa ispiratrice per molti brand – degli attuali iPhone 7 e 7 Plus. Il design sarà insomma il motore portante delle strategie di Cupertino, anche perché saranno proprio le scelte stilistiche ad influenzare le componentistiche hardware e la scheda tecnica generale. Un esempio paradigmatico viene offerto dal Touch ID, che a detta delle ultime ricostruzioni potrebbe essere traslato nella parte posteriore del decide, sulla scorta di una mossa già peraltro attuata quest’anno da Samsung sui nuovi Galaxy S8 e S8 Plus.

Il paragone tra i due brand potrebbe insomma essere ancora più marcato, e una bozza schematica a firma di Benjamin Geskin ci permette di spulciare attentamente il design di iPhone 8. Lo smartphone – che avrà il merito di celebrare il decimo anniversario dal lancio del primo melafonino da parte di Steve Jobs – mette in mostra un vistoso cerchio nella sua parte posteriore, corrispondente al classico logo di Apple, sotto al quale verrebbe stavolta incastonato proprio l’immancabile lettore di impronte digitali. Una scelta particolare, sebbene in linea con le ultime tendenze in campo Android. Apple avrebbe voluto posizionare il fingerprint al di sotto dello schermo, così da recuperare spazio, ma l’impiego di una tale tecnologia – peraltro assai complessa e poco matura – è destinato a slittare nel futuro: la corsa contro il tempo non permetterebbe infatti al gigante di Cupertino di essere pronta in vista del lancio del nuovo smartphone a settembre, ed ecco spiegato il motivo di una tale strategia, più conservativa ma analogamente​ inedita se restiamo ancorati al mondo Apple.

Interessanti sono poi le scelte stilistiche di iPhone 8, che anche qui influenzerebbero la scheda tecnica: la doppia fotocamera è infatti confermata nella sua particolare posizione verticale (non dunque orizzontale) e le dimensioni generali potrebbero essere non troppo distanti da quelle di iPhone ​7 (144 x 71 x 7.69 millimetri): la novità è però da ricercare nel display più capiente (5.8 pollici) e dunque ad ingombri contenutissimi. Sulla falsariga di una strategia già in voga in questo 2017.

  • Alberto Barbieri

    Touch ID Dietro no. Speriamo