iPhone 6 prende a fuoco

iPhone 6 prende a fuoco in volo su un aereo di linea Alaska Air proveniente da Washington e diretto alle Hawaii. Colpa dell’inosservanza delle direttive che gli assistenti di volo sono soliti dispensare ai passeggeri prima del decollo, a detta dell’ex pilota nonché esperto del settore John Nance, sentito <<a caldo>> a seguito del l’increscioso incidente. Lo smartphone Apple di generazione precedente sembrerebbe non presentare difetti o storture intrinseche, giacché ad innescare l’incendio sarebbe stato infatti il mancato settaggio della modalità aereo, operazione necessaria e caldeggiata a più riprese durante le operazioni di volo: la ratio è quella di evitare che il dispositivo di turno cerchi costantemente il segnale, fattore quest’ultimo che può far surriscaldare la batteria fino a far esplodere lo smartphone.

La vittima dell’accaduto, Anna Crain, racconta di aver guardato un film quando ad un tratto si accorse che il suo iPhone 6 iniziava a prendere fuoco. Lo smartphone Apple venne quindi gettato sotto il sedile di un altro passeggero, causando un’ulteriore crescita delle fiamme. L’incendio venne poi domato a seguito dell’intervento degli assistenti di volo, rapidi ed addestrati nel far rientrare una situazione pericolosa ed incresciosa per i 162 passeggeri a bordo.

Non è la prima volta tuttavia che assistiamo a casi di esplosione dei vari dispositivi mobile, reiteratisi in questi anni a cadenza alternata. Tra le ultime vicende può farsi riferimento, ad esempio, a quella che ha coinvolto lo scorso agosto un iPhone 5, oppure a diversi Samsung Galaxy e iPhone 6 Plus andati in fiamme senza conseguenze alcune nei riguardi dei passeggeri. Nel caso in questione e risalente a giovedì scorso, né la FCC (l’ente governativo statunitense), né la Apple hanno ricevuto richieste di commento della notizia di cui trattasi.

via

CONDIVIDI
Articolo precedenteNew York città del futuro, addio alle cabine telefoniche arriva il Wi-Fi gratis per tutti
Prossimo articoloEdge, arriva la prima estensione di terze parti