Nel Keynote di ieri la Apple, dopo aver presentato gli iPhone 5S e 5C, ha finalmente annunciato tutte le caratteristiche e le date di arrivo del nuovo sistema operativo iOS7 che sarà disponibile come aggiornamento software gratuito, a partire da mercoledì 18 settembre per i seguenti modelli: iPhone 4, iPhone 4S, iPhone 5, iPhone 5S , iPhone 5C, iPad 2, Nuovo iPad, iPad con Retina Display, iPad Mini e iPod Touch di quinta generazione. Inoltre per tutti i dispositivi che verranno attivati con iOS7 dopo il primo Settembre 2013, le app iWork, nello specifico Keynote, Pages e Numbers saranno gratuite oltre ad  una suite per l’intrattenimento, composta da iPhoto e iMovie. Ma veniamo alle caratteristiche del sistema operativo…

32055

Le affermazioni di Craig Federighi, senior vice president Software Engineering di Apple, parlano chiaro:

iOS 7 è stato completamente riprogettato con una interfaccia utente totalmente nuova e oltre 200 nuove funzionalità, quindi è come avere un nuovo dispositivo, che però risulterà immediatamente familiare ai nostri utenti. Il prossimo mese consegneremo il nostro 700 milionesimo dispositivo iOS, e siamo entusiasti nel vedere quello che le centinaia di migliaia di nostri sviluppatori iOS stanno facendo per portare nuove incredibili funzionalità alle proprie app.

Parlando quindi di nuove funzionalità elenchiamo le più importanti:

  • Centro di Controllo, che permette un accesso veloce ai controlli desiderati in un unico posto, basta uno sfioramento dalla base dello schermo;
  • Centro Notifiche, dove si accede anche dalla schermata di blocco per vedere tutte le notifiche semplicemente sfiorando lo schermo, mentre la nuova funzione Today offre una vista panoramica sugli impegni della giornata riassumendo anche le informazioni importanti come meteo e traffico;
  • Multitasking migliorato: iOS 7 registra quali sono le app usate più spesso e tiene aggiornati i contenuti in background;
  • AirDrop, per condividere facilmente file con apparecchi iOS e computer Mac via wifi;
  • Nuovi filtri nell’app Fotocamera, che permettono di applicare effetti alla foto in tempo reale, un’opzione per il formato quadrato (come Instagram);
  • app Immagini riprogettata, che introduce Moments, per organizzare automaticamente foto e video in base alla data e al luogo in cui sono stati ripresi;
  • browsing a tutto schermo in Safari, con il nuovo campo smart search per semplificare la ricerca;
  • Siri con nuove voci maschili e femminili, ricerca su Twitter, Wikipedia e Bing;
  • Integrazione della ricerca su Twitter, integrazione con Wikipedia e ricerca web Bing all’interno dell’app;
  • iTunes Radio, un servizio di Internet radio gratuito con oltre 200 stazioni e un enorme catalogo di musica dall’iTunes Store (al momento solo in Usa).

Altre nuove funzionalità includono un nuovo Activation Lock in Trova il Mio iPhone, che richiede l’immissione dell’Apple ID e la password dell’utente per la disattivazione di Trova il Mio iPhone, la cancellazione dei dati o la riattivazione di un dispositivo dopo un ripristino a distanza; audio FaceTime per chiamate di alta qualità su rete dati; e nuove suonerie, allarmi, alert e suoni di sistema.

ios7 64bit

L’altra interessante novità riguarda il fatto che Apple ha progettato iOS 7 a 64 bit (primo sistema operativo mobile dotato di tecnologia a 64 bit) in modo da sfruttare appieno le avanzate tecnologie 64-bit del processore montato sull’iPhone 5s, inclusi kernel, librerie e driver nativi a 64-bit. Tutte le applicazioni preinstallate sono state anch’esse riprogettate il il 64 bit mantenendo comunque la possibilità di far girare sia app a 32-bit che a 64-bit. Insomma un sistema operativo pensato e cucito proprio sull’iPhone 5S, Apple ha aperto la strada al 64 bit, cosa succederà ora nel mondo mobile? Anche gli altri sistemi operativi saranno sviluppati a 64 bit? Ora è più che difficile da prevedere visto che Google si appresta a lanciare Android 4.4 KitKat che sembrerebbe poter girare anche su hardware poco prestanti. Solo il tempo ci farà capire le prossime mosse che saranno intraprese da Google, Microsoft e perchè no… Anche da parte di Ubuntu!!!

CONDIVIDI