internet explorer è morto

Internet Explorer è morto o meglio sta per morire per mano della stessa Microsoft che dopo 20 anni ha deciso di cambiare e presto presenterà il nuovo browser Spartan.

E’ nato nel lontano 1995 e vissuto per ben 20 anni, un infinità nel mondo della tecnologia, ma Microsoft ha ormai deciso: Internet Explorer è morto ed il suo successore, Spartan è ormai in dirittura d’arrivo e promette di rilanciare i browser targati Microsoft.

internet explorer è morto

Secondo quanto emerso in questi mesi e grazie ai dettagli rilasciati dalla stessa Microsoft in occasione dell’annuncio ufficiale, la società ha deciso di dare una svolta decisa e radicale per quanto concerne il nuovo browser che verrà integrato sul nascente Windows 10, cercando di cancellare le mancanze ed i problemi dati dall’età di Explorer, un browser che ormai da tempo, mostra i segni del tempo.

Internet Explorer è morto

Internet Explorer è un browser nato in un epoca nel quale la navigazione da mobile era utopia e nonostante i miglioramenti apportati da Microsoft nel tempo, non è riuscito mai ad affermarsi in un settore cruciale come quello del mobile. Secondo gli analisti infatti “nella guerra del futuro, che è il mobile, come browser sta perdendo. Nessuno scarica Internet Explorer sui propri dispositivi mobili“, ed in effetti dati alla mano, Internet Explorer è ancora vivo grazie al fatto che Microsoft lo preinstalla come browser di base sul proprio sistema operativo Windows, mentre è praticamente inesistente su altre piattaforme, sconfitto da agguerriti concorrenti del calibro di Chrome e Firefox, che ormai sono i browser di riferimento sia per quanto riguarda il mondo desktop che quello mobile.

Lunga vita a Spartan

Microsoft ha deciso di cambiare radicalmente il proprio concetto di browser e per mostrare la svolta in arrivo per gli utenti, ha deciso che la prima cosa da cambiare rispetto al passato dovesse essere proprio il nome, così dopo 20 anni verrà definitivamente abbandonata la denominazione Internet Explorer per passare al nuovo nome scelto dagli esperti del marketing Microsoft: Spartan.

internet explorer è morto

Il nuovo Spartan sarà il browser preinstallato sia nella versione PC che mobile del nuovo sistema operativo Windows 10 ed utilizzerà un nuovo motore grafico chiamato in codice “Edge“. Una delle novità che riguarderanno il nuovo Spartan sarà l’abbandono alle tecnologie ActiveX e Componenti Aggiuntivi, sostituiti dalle più classiche estensioni, da anni utilizzate dai concorrenti Chrome e Firefox.

Spartan inoltre potrà sfruttare diversi servizi della stessa Microsoft tra i quali, l’assistente vocale Cortana, le funzionalità di ricerca avanzate, la condivisione di informazioni sul OneDrive e raccolte direttamente sulle pagine web, la funzionalità “lista lettura” che consentirà di sincronizzare contenuti tra diversi dispositivi per continuare a leggere contenuti web indipendentemente dal dispositivo utilizzato e la “modalità lettura”  che consentirà di formattare le pagine web, in modo da facilitarne la lettura in base al dispositivo utilizzato.

Prestazioni Spartan

Microsoft crede ovviamente nel progetto Spartan ed in questi mesi sta cercando di integrare nuove funzionalità ed ottimizzare il codice di sistema anche per migliorarne le prestazioni nell’apertura e visualizzazioni di contenuti web. I primi benchmark, effettuati tra l’altro su versioni alpha di Spartan, mostrano la bontà del progetto, con prestazioni misurate, superiori a quanto totalizzato dai diretti concorrenti Chrome e Firefox.

Al momento Spartan non è stato rilasciato pubblicamente e non è presente neanche sulla versione TP di Windows 10 rilasciata al pubblico, ma Microsoft è al lavoro e presto il nuovo browser verrà rilasciato e porterà Microsoft, finalmente, nell’era moderna della navigazione.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteFacebook è assediato dai governi per ottenere i dati utente
Prossimo articoloSamsung Galaxy Tab 3 V ufficiale in Malesia