Non bastavano i messaggi di testo per diffondere bufale o allarmismi inutili su WhatsApp: ultimamente stanno andando sempre più di moda anche i famosi messaggi vocali da diffondere tramite la nota applicazione di chat. L’ultimo è stato prontamente segnalato dalla redazione di Bufale.net.

In questi giorni, difatti, sta circolando su WhatsApp un audio dove una donna afferma quanto segue: “Ciao a tutti, Vi volevo avvisare di stare attenti su WhatsApp. Poco fa mi ha chiamato una mia amica dicendomi che è arrivato… ha ricevuto un contatto con una persona… con un ragazzo biondo con gli occhi azzurri, con il volto un pochettino indemoniato, con un audio. Attenzione, se vi arriva questo non aprite che è quel gioco dello squalo, quello che sta girando in questo momento. Automaticamente se voi rispondete o guardate questo messaggio sarete nella loro rete. State attenti, per favore fate girare questo messaggio. Non è uno scherzo, è la verità. Diamoci una mano tutti e fate girare questo messaggio. È un ragazzo biondo con gli occhi blu, con una maglietta nera con una scritta rossa. Se così cancellate subito. Ok? Grazie, un bacione a tutti”.

Tale registrazione è subito divenuta virale, ma è inutile dire che si tratta di una gigantesca bufala. Il contenuto dell’audio è decisamente vago e praticamente illogico, ma analizziamo la situazione con ordine: come sempre si parla di “una mia amica” senza ovviamente citare la fonte, nell’esatto schema seguito dai messaggi vocali che millantano fantomatici attentati imminenti riferiti da “cugini poliziotti”. L’audio prosegue con una frase che non ha senso: “ha ricevuto un contatto con una persona” in che modo? Quale persona? Com’è riuscito ad ottenere il contatto WhatsApp di un estraneo? Questa frase ricorda molto il recente messaggio del “Signore che spia dalla fotocamera del cellulare“.

Il messaggio vocale fa inoltre una descrizione decisamente generica del “ragazzo dal volto un pochettino indemoniato”, senza postare nemmeno una foto, anche se in questo caso – dato il messaggio completamente falso – possiamo solo ringraziare il Cielo, altrimenti un altro povero ragazzo innocente si ritroverebbe a fare i conti con utenti poco informati pronti a ricoprirlo di insulti su tutti i mezzi social, come già avvenuto ad un giovane di Parma.

Infine c’è la parte più interessante dell’audio: secondo il messaggio il fantomatico ragazzo starebbe dando il via al “gioco dello squalo”, ennesima distorsione del fenomeno Blue Whale, simile a quella recentemente discussa nell’articolo al seguente link solo che stavolta, al posto di scriverlo in un inglese errato, è stato tradotto in modo completamente sbagliato: “whale” in inglese significa “balena”, non “squalo”.

In più, se tale “ragazzo dall’aspetto un pochettino indemoniato” stesse davvero mettendo in atto un simile scempio, non sarebbe più corretto segnalarlo alle Autorità competenti piuttosto che inviare un messaggio vocale?

CONDIVIDI
FONTEFonte