factory Reset

La nota azienda di sicurezza informatica Avast, ha recentemente fatto un interessante scoperta riguardo la cancellazione dei dati personali sugli Smartphone Android. Dopo aver acquistato una serie di Smartphone usati, sul sito di aste online Ebay, ha scoperto, utilizzando dei software “forensi” (come Oxygen Forensic Suite oppure Access Data FTK Imager), tutta una serie di informazioni che il Factory reset avrebbe dovuto cancellare.

All’ interno degli Smartphone analizzati, sono state trovate: foto personali, email, nomi ed indirizzi e anche l’identità di alcuni proprietari precedenti, quindi nessuno dei telefoni analizzati era stato completamente cancellato.

E il presidente della divisione mobile di Avast, Jude McColgan, ci va giù molto duramente:

Le immagini, e-mail e altri documenti cancellati dai telefoni, possono essere sfruttati per il furto di identità, ricatto, o per  altri scopi, anche di stalking”.

Al momento,  sono poche persone che hanno familiarità con i software “forensi”, che possono recuperare i dati dai telefoni re-impostati, ma la situazione è destinata a cambiare in futuro, visto il sempre maggior numero di utenti che hanno bisogno di recuperare i dati che sono stati cancellati per sbaglio. Avast ha un certo interesse per l’argomento, e tra le altre cose i suoi software di sicurezza, sono anche per Smartphone Android, come la sua App Anti-Theft, gratuita su Google Play, che garantisce la protezione della privacy.

Fortunatamente esiste anche una soluzione più semplice attuabile da tutti come contromisura: attivare la crittografia del “device” (nelle Impostazioni di Sicurezza), prima del “factory reset”, in questo modo verrà cancellata anche la chiave crittografica, rendendo impossibile il recupero dei contenuti.

CONDIVIDI
Articolo precedenteSony Lue Z, in arrivo il primo telefono Windows Phone Sony?
Prossimo articoloNGM Presenta il nuovo Forward Xtreme, dual SIM octa core