Kirin 960

Mate 9 si avvicina a grandi passi ed a scandire l’attesa è l’ufficializzazione del suo componente principe: trattasi del processore Kirin 960, svelato in data odierna da Huawei nel corso di una presentazione programmata in Cina. Il lavoro orchestrato dalla compagnia di Shenzhen mira ad affinare ulteriormente quanto già di buono messo in rilievo con i chipset di generazione precedente (Kirin 950 dapprincipio e, in via successiva, il rivisitato Kirin 955 presente su P9 e P9 Plus). Tra le aggiunte di spicco vale la pena sottolineare il supporto alle memorie UFS 2.1 e modem LTE Cat. 12/13: in quest’ultimo caso si parla di un incremento sia della velocità di download (fino a 600Mbps) che quella di upload (fino a 150 Mbps).

Kirin 960 è strutturato secondo l’architettura big.LITTLE e composto da quattro core Cortex-A73 ad alta potenza e quattro minori core Cortex-A53, chiamati a gestire compiti meno gravosi in termini di mera <<forza bruta>>. Il prossimo processore di Mate 9 sarà altresì contornato dalla GPU MP8 Mali-G71, per inciso la stessa indiziata ad esser presente sul già atteso Galaxy S8. Huawei non manca di snocciolare alcuni dati pronti a metter in evidenza il salto generazionale compiuto dal nuovo chipset rispetto al Kirin 950: l’azienda di Shenzhen assicura un miglioramento dell’efficienza CPU pari al 15% ed un consequenziale incremento dell’addirittura 180% in termini di prestazioni grafiche.

Kirin 960, costruito da TSMC utilizzando il processo FinFET a 16 nanometri, supporta CDMA e frequenze radiofoniche comprese tra 330MHz a 3.8GHz. Huawei ha concluso la propria presentazione dispensando alcuni dati benchmark raggranellati sulle piattaforme GeekBench e GFXBench: nel primo caso, il processore di Mate 9 ha sbaragliato la concorrenza per quanto concerne il campo multi-core, mentre nella seconda fattispecie Kirin 960 si è classificato al secondo posto dietro al prestante Apple A10, premiato a più riprese per via delle sue performance.

Kirin 960 farà il suo debutto su Huawei Mate 9, attesissimo phablet Android pronto al debutto il prossimo 3 novembre.

via

CONDIVIDI