huawei-vr

Huawei pare voler ritornare necessariamente sui suoi passi, proponendo ciò che avrebbe dovuto mettere in mostra in occasione del rilascio dei suoi ultimi smartphone delle line-up P9, ovvero il P9 ed il P9 Plus. In particolar modo, l’azienda avrebbe dovuto garantire la presentazione del suo nuovo Huawei VR, ovvero sia il suo visore per la realtà virtuale dotato di uscita audio di tipo 3D con diffusione a 360 gradi.

Dopo ben sette mesi dall’uscita dei nuovi terminali, la società ripropone il suo visore VR con i terminali della serie Huawei Mate 9 e Mate 9 Pro in territorio cinese, dimostrando così il rinnovato interesse verso un settore in continua espansione e che, secondo le ultime analisi, consentirà di beneficiare di una moltitudine di contenuti che, nel caso specifico della società cinese, significano qualcosa come ben 5.000 film totalmente gratuiti, video di tipo panoramico e giochi full-immersive.

La compatibilità, però, è stata unilateralmente garantita nei confronti dei soli device di ultima serie, con riferimento alla linea Huawei P9 e Mate 9 ma anche con Mate 8. Supporto alle immagini in risoluzione 2K e campo HUD visivo di 95 gradi con latenza di soli 20ms sono i pre-requisiti essenziali del componente, che si completa con l’aggiunta fisica di pulsanti, trackpad per la gestione migliorata dei contenuti e filtro integrato per la luce blu che evita l’affaticamento visivo.

Il prezzo è stato fissato ad appena €81. Che cosa ve ne pare?

VIA