Huawei P9 Plus non ha più paura di BlueBorne con l’ultimo aggiornamento

Huawei P9 Plus non ha più paura di BlueBorne con l’ultimo aggiornamento

Dopo Galaxy S7 e S7 Edge e, più in generale, svariati smartphone Samsung già in commercio, tocca a Huawei P9 Plus correre ai ripari contro l’impellente minaccia targata BlueBorne. Che come abbiamo avuto modo di approfondire, sfrutterebbe la tecnologia Bluetooth presente sui dispositivi mobile per diffondere malware e prendere il controllo del malcapitato terminale infettato. Un rischio insomma concreto e non trascurabile, che ha portato diversi produttori ad imbastire nuovi aggiornamenti software pronti a mettere una pezza sulla falla di sistema. Ultimo in ordine cronologico è proprio quello riservato in queste ultime ore a Huawei P9 Plus, considerato come altamente consigliato dalla stessa società con base operativa a Shenzhen.

[trovaprezzi prodotto=’Huawei P9 Plus’]

La versione da 5.5 pollici e un gigabyte di memoria RAM in più dell’ex smartphone top di gamma 2016 di Huawei sta infatti aggiornandosi in Italia con un nuovo firmware dal peso specifico di 788 megabyte; non abbiamo al momento informazioni circa il rilascio dell’update anche sul tradizionale Huawei P9 (che ad ogni modo non dovrebbe tardare, stante l’impellente necessità di sicurezza), mentre possiamo confermarvi – per esperienza diretta – che l’aggiornamento di cui trattasi è già in fase di roll-out sui vari terminali no-brand smerciati in Italia.

Il nuovo firmware – strutturato ancora su Android 7.0 Nougat con EMUI 5.0.1 – permette a Huawei P9 Plus di ricevere le penultime patch di sicurezza di settembre, oltre che una particolare funzionalità aggiuntiva alla fotocamera: trattasi, nello specifico, di <<immagini in movimento>>, con l’evidente compito di ottenere scatti dinamici anche modalità Standard. Nessuna novità, per il resto, al software, dal momento che l’aggiornamento è improntato più che altro ad accrescere la sicurezza dello smartphone contro la minaccia BlueBorne. L’update verrà notificato a mezzo OTA (Over The Air) già a partire dalle prossime ore su tutti i terminali no-brand smerciati in Italia