Huawei Mate 8

Huawei Mate 8 torna prepotentemente a nuova vita in ossequio al rilascio, anche in Italia, dell’aggiornamento Android 7.0 Nougat, strutturato secondo i paradigmi dell’interfaccia proprietaria EMUI 5.0. Si completa insomma il mosaico di dispositivi che Huawei ha prontamente impreziosito con le peculiarità distintive portate in dote dall’ultima versione del sistema operativo mobile di Google: Mate 8 segue infatti a ruota Huawei P9 e Honor 8, per inciso gli ultimi terminali ad essere, in ordine meramente cronologico, aggiornati ad Android 7.0 Nougat.

Il rilascio del primo major update per Huawei Mate 8 è già in via di distribuzione a mezzo OTA (Over The Air) e sta interessando tutti gli smartphone open market smerciati finora. Il firmware, contrassegnato dal numero L29C432B560, porta in dote tutta una serie copiosa di novità, tra cui un linguaggio estetico – caratterizzante per l’appunto dalla nuova EmotionUI 5.0 – adesso più conforme ai dettami del <<material design>> di Google. Ispirata ai toni puri blu e bianchi del Mar Egeo, l’interfaccia proprietaria griffata Huawei mira a coniugare semplicità, intelligenza e prestazioni, comunque di tutto rispetto e rilievo nonostante l’anno alle spalle di Mate 8.

Tra le novità distintive del nuovo aggiornamento software per Huawei Mate 8 spicca innanzitutto una sostanziale rivisitazione delle notifiche, adesso più interattive e meglio organizzate. Presente anche il multi-windows (ossia la possibilità di utilizzare due applicazioni in contemporanea, fattore quest’ultimo indubbiamente apprezzato su uno schermo da sei pollici), modalità di risparmio energetico ancor più efficace (<<Doze>>, introdotta ai tempi di Marshmallow), impostazioni suggerite ed alcuni accorgimenti che hanno coinvolto applicazioni proprietarie (leggasi fotocamera, contatti ed e-mail).

L’aggiornamento ad Android 7.0 Nougat è in fase di distribuzione per tutti i dispositivi smerciati in Italia e contrassegnati come no-brand. I possessori di Huawei Mate 8 sono pertanto invitati a pazientare ed attendere la preziosa notifica a mezzo OTA (Over The Air). In alternativa, si può <<forzare>> la ricerca dell’update mediante l’applicazione Hi Care, premendo sulla voce <<Aggiornamento versione>> contenuta nella sezione <<Servizio>>. Una volta ricevuto l’aggiornamento, consigliamo di agganciare il phablet ad una rete Wi-Fi stabile e sicura e di procedere all’update soltanto con una autonomia pari almeno al 50%, onde evitare così spiacevoli rischi e conseguenze.

via

CONDIVIDI
Articolo precedenteiPhone 8 con nuovo Touch ID e scanner facciale
Prossimo articoloWindows 10, slitta l’arrivo della funzionalità My People