Huawei Mate 10

Huawei Mate 10 arriverà sul mercato entro lo spirare dell’anno in corso e costituirà la seconda (ed attesa) proposta top di gamma del produttore cinese, dopo il lancio al Mobile World Congress 2017 di Barcellona degli attuali P10 e P10 Plus. Una risposta diretta ai prossimi competitors del mercato phablet, come Galaxy Note 8 di Samsung e LG V30, attesi già durante il corso del periodo estivo. Le indiscrezioni sul nuovo flagship a firma Huawei sono ancora risicatissime, anche se qualcuno ha già provveduto ad abbozzare qualche caratteristica preliminare, ancora non confermata e, dunque, suscettibile di essere smentita nelle settimane che seguiranno.

A detta di alcuni rumors dell’ultima ora, Huawei Mate 10 potrebbe essere impreziosito dalla presenza di un display borderless, sulla falsariga di LG G6 e Galaxy S8, oltre che per l’appunto di Note 8. Una soluzione quest’ultima che in fondo potrebbe anche essere verosimile: dopo due smartphone tradizionali ma comunque ben costruiti ed eleganti (quali Huawei P10 e P10 Plus), potrebbe essere la volta dell’innovazione, apprezzata ancor di più in un contesto quale quello inerente la gamma Mate, indirizzata verso utenti in cerca di display grandi e batteria a lunga durata. Insomma, a fronte di dimensioni tutto sommato equiparabili, il nuovo Mate 10 potrebbe guadagnare un display ancor più generoso – attualmente fermo a 5.9 pollici – oppure, a fronte di un mantenimento della diagonale del pannello principale, potrebbe esserci viceversa una riduzione delle dimensioni, così da stuzzicare anche utenti in cerca di prodotti un po’ più <<maneggevoli>>. Delle due l’una, anche se, vale la pena precisare, trattasi comunque di indiscrezioni preliminari e non ancora confermate.

La stessa fonte prosegue su altre caratteristiche, alcune delle quali forse un po’ troppo <<spinte>> e poco verosimili: acclarato che Huawei Mate 10 potrebbe far segnare l’esordio del processore proprietario HiSilicon Kirin 970 – costruito su un processo produttivo a 10 nanometri – e del nuovo sistema operativo Android 8.0 (personalizzato ad-hoc secondo l’interfaccia proprietaria EMUI), il rumor odierno ipotizza la presenza di un lettore di impronte digitali incastonato sotto il display, soluzione quest’ultima ipotizzata anche su Note 8 e cestinata perché forse non ancora matura e perfetta. Chiude il cerchio la presenza di una doppia fotocamera frontale (rigorosamente Leica), per selfie promettentissimi. Insomma, Huawei Mate 10 si candida ad esser un concentrato di potenza e soluzioni tecnologiche. Almeno a detta dei rumors, tutti però ancora da confermare.