helio x20

Sul famoso social network Weibo delle eclatanti indiscrezioni riportano che HTC, Xiaomi e Lenovo elimineranno completamente l’impiego del processore Helio X20, il modello di punta di casa MediaTek. Si tratta di un potente processore top di gamma deca core, che è formato da 4 Cortex A53 dalla frequenza di 1,4 Ghz, altri 4 Cortex A53 dalla frequenza di 2 Ghz e infine 2 Cortex A72 che girano a 2,5 Ghz.

La decisione di HTC, Xiaomi e Lenovo di non utilizzare più Helio X20 deriverebbe dal fatto che soffre di problemi di surriscaldamento. Il mercato degli smartphone ha già avuto nell’ultimo anno una brutta storia a causa dei problemi di surriscaldamento già incontrati con il processore Qualcomm Snapdragon 810, per questo le tre importanti case produttrici vorrebbero evitare del tutto di correre lo stesso rischio.

Rimarrebbero quindi Zopo e Doogee le prossime case produttrici a rilasciare smartphone con Helio X20, e questo avverrà al MWC 2016 del 22 febbraio. Le aziende opterebbero invece più per i processori di Qualcomm, come il nuovo quad core Snapdragon 820.

Quest’ultimo processore a detta della casa produttrice che lo ha realizzato non soffre per nulla di problemi di riscaldamento. Qualcomm ha anche aggiunto che i processori con più di quattro CPU sono pressochè inutili per le prestazioni, ed ottengono solamente l’effetto di diminuire la durata della batteria degli smartphone.

HTC One M9 e' disponibile online da Tecnosell a soli € 282,00

via

CONDIVIDI
Articolo precedenteFacebook Messenger, sapevate che potete usarlo per giocare a scacchi?
Prossimo articoloiOS 9.2, 9.2.1 e 9.3 Beta: ecco il video del jailbreak in esecuzione
  • Mario Gomez

    HTC non sembra particolarmente affezionata a mediatek anche se quest’anno sta rischiando di far provviste da huawei per i kirin, Capisco invece Xiaomi che vuole fare smartphone in 3 mesi e figurati se c’è tempo per l’ottimizzazione hardware soprattutto su un chip così potente e difficile da implementare, un altra domanda è ma Lenovo fa smartphone di punta?
    Altra cosa è che mediatek non vende il suo chip migliore al primo che capita…