Un poliziotto, grazie alla funzione “Trova il mio iPhone” ha contribuito a salvare una donna che aveva subito un incidente in un burrone di 500 metri.

Un ufficiale di polizia di San Jose, ha usato il servizio Apple “Trova il mio iPhone” per salvare Melissa Vasquez, una donna del posto, che è stata intrappolata nella sua auto, a seguito di un incidente che l’ha portata in un burrone per ben 17 ore.

Il sistema OnStar, montato sull’automobile, aveva segnalato alla polizia l’incidente tra Highway 17 e Camden Avenue, ma i poliziotti che hanno risposto alla segnalazione non riuscivano a trovare nessuna automobile incidentata. Più tardi nel pomeriggio, OnStar aggiornava la posizione del veicolo al centro di San Jose, ma i poliziotti ancora non riuscivano a trovare l’incidente.

Fortunatamente, Campbell, un agente di polizia un po’ più “geek“, trovando l’iPad della vittima, all’interno della sua abitazione, si rese conto che poteva usare “Trova il mio iPhone” per rintracciare la posizione della donna. Il fato ha voluto anche che il poliziotto ha indovinato il codice d’accesso al Tablet al terzo tentativo, provando le combinazioni più comuni.  Venti minuti dopo aver scoperto la posizione della donna, sono riusciti ad intervenire ed a trarre in salvo la donna, trasportandola in un elicottero della Guardia Costiera al centro medico più vicino. Dopo l’accaduto, la Onstar sta indagando sul perché il suo sistema non è riuscito a comunicare la posizione. Perchè allora non usare il sistema Apple su tutte le autovetture?

CONDIVIDI
Articolo precedentePS4 update 2.0: In arrivo temi personalizzati, YouTube, lettore musicale USB e tanto ancora!
Prossimo articoloAndroid 5.0 Lollipop, lista aggiornata dei dispositivi