Raggiunto l’accordo tra Google e l’Agenzia delle Entrate. Nessuna controversia per le due, con la conclusione delle indagini relative al periodo 2002-2015.

Con gli accordi si è concluso che Google dovrà pagare 306 milioni di euro al fisco italiano. Si parla di alcune indagini poste dall’Agenzia delle Entrate che riguardano il periodo 2002-2015 in merito alle tasse da pagare. Il motore di ricerca si impegna a far crescere il suo ecosistema anche sul nostro Paese.

L’Agenzia delle Entrate aveva aperto una contestazioni da 300 milioni di euro per omessa dichiarazione dei redditi ma, dopo una collaborazione e documentazione fornita da Google, si è arrivato alla stipula di un accordo per la corretta tassazione.

Già alcuni giorni fa Rossella Orlandi aveva comunicato che i risultati di questi accordi sarebbe apparsi con effetto immediato, aggiungendo che vi sono attualmente dei colloqui anche con Airbnb.

Anche Amazon è sotto la lente dell’Agenzia delle Entrate, ciò a causa di una presunta evasione fiscale di circa 130 milioni di euro. La somma risulta inferiore, rispetto a quella accordata con Google, semplicemente perchè i guadagni sono nettamente minori rispetto a quelli del colosso.