google-traduttore

Google Translate, quest’anno, ha compiuto 10 anni e, da allora, molti sono stati i passi compiuti attraverso la piattaforma di traduzione integrata ad oggi più utilizzata al mondo. La casa di Mountain View, infatti, ha messo anima e corpo nella realizzazione di un prodotto perfettamente valido che, in questi anni, ha saputo migliorarsi notevolmente sino a giungere ad una nuova interessante conclusione dovuta all’introduzione del nuovo sistema di traduzione intelligente a reti neurali.

Giusto ieri, infatti, Google ha annunciato importanti cambiamenti dovuti ad una nuova tecnica intelligente di traduzione  chiamata Google Neural Machine Translation system (GNMT) che consente una significativa riduzione dell’errore in fase di traduzione (sino all’85%) grazie all’analisi di un periodo sintattico completo, con un risultato finale che consentirà di avere un margine di errore nettamente minore ed una rapidità di esecuzione delle operazioni senza precedenti.

reti-neurali-google

La stessa Google riferisce del fatto che il sistema si avvicina di molto alle reali capacità di traduzione umane specie per l’interpretazione dei termini dall’Inglese allo Spagnolo ed al Francese, con possibilitò din integrazione di neologismi e periodi sintattici nuovi grazie al sistema ad auto-apprendimento.

A riprova dell’impegno profuso dalla società nel settore Traduzioni, da oggi, tutte le traduzioni dal Cinese all’Inglese saranno realizzate tramite questo sistema per il 100% dei casi, per un totale giornaliero di oltre 18 milioni di traduzioni.

VIA

CONDIVIDI
Articolo precedenteiMessage: Apple sa a chi e quando inviate i vostri messaggi
Prossimo articoloNuovo Doodle festeggia la nascita di Biro, l’inventore della penna a sfera