Gmail, arriva finalmente il supporto ufficiale a Microsoft Exchange

Sembra che molto presto il colosso Google smetterà di analizzare le e-mail presenti nelle varie caselle Gmail degli utenti. Lo ha annunciato il Senior Vice President per Google Cloud, Diane Greene, aggiungendo inoltre che le caselle email saranno “in linea con gli altri prodotti Google e i suoi annunci personalizzati”.

Fino ad oggi Google analizzava le varie caselle di posta Gmail al fine di garantire un servizio di annunci pubblicitari mirato alle preferenze degli utenti: in pratica BigG raccoglieva informazioni nelle varie caselle email per poi combinarle con quelle registrate durante la navigazione e creare un accurato profilo pubblicitario personalizzato per ogni utente.

Per quanto sarebbe bello credere che Google stia attuando questa policy perché spinto da un atto di bontà nel suo cuore, ma probabilmente la reale motivazione di tale scelta è che non ne ha più bisogno, perché conosce alla perfezione i gusti dei propri utenti o perché tali rilevazioni si sono dimostrate controproducenti. Questo non vuol certo dire che Gmail non mostrerà più annunci pubblicitari, ma che semplicemente non sfrutterà più i contenuti delle caselle gmail per offrire pubblicità personalizzata.

Ad ogni modo questo tipo di politica non sembra aver ostacolato la crescita di Gmail, che attualmente conta la bellezza di 1,2 miliardi di utenti.