google+

Google separa ufficialmente Google+ in due, creando due nuovi prodotti, Google Foto e Google Stream.

La notizia circolava da tempo in rete ed oggi arriva l’ufficialità: Google ha deciso di scindere Google+: Bradley Horowitz, vicepresidente di Google+, ha infatti annunciato ufficialmente l’arrivo di due nuove prodotti, Google Foto e Google Stream, in sostituzione di Google+.

Sundar Pichjai, vice presidente senior della divisione prodotti Google, aveva già anticipato la divisione di Google+ in varie piattaforme, in un intervista rilasciata a Forbes la scorsa settimana. “Penso che ci vedrete sempre maggiormente concentrati su piattaforme dedicate alle comunicazioni, foto e stream, piuttosto che in un unico servizio.”

Le dichiarazioni di Horowitz quindi chiariscono ciò che avverrà per Google Foto e Stream, mentre non è ancora chiaro quale sarà il destino di Google Hangouts e sopratutto a ciò che rimarrà dell’attuale Google+.

Google crede e punta molto su Hangouts, come confermato dallo stesso Horowitz in un intervista rilasciata a Dicembre nella quale elogiava così il proprio servizio di messaggistica istantanea: “E’ SMS, è telefonia, è uno ad uno, è molti a molti è per il mondo consumer così come per quello business“.

Visto l’incredibile successo di WhatsApp e Snapchat, Google avrebbe così deciso di separare Hangouts dal fastidioso, e mai realmente apprezzato pubblico Google+, sperando così di rilanciare il proprio servizio e diventare così il possibile outsider 2015 in un settore altamente competitivo come quello dei servizi di messaggistica istantanea.

Riuscirà Google nell’impresa?

Via