Google ridurrà la tariffa del Play Store per gli sviluppatori

Google ridurrà la tariffa del Play Store per gli sviluppatori

Il colosso Google ha da poco annunciato che seguirà la linea guida di Apple nella riduzione della tariffa che gli sviluppatori di app devono pagare per gli abbonamenti mobili elaborati attraverso il Play Store.

Nel giugno 2016, la rivale Apple ha introdotto una nuova politica per l’App Store per incoraggiare gli sviluppatori a vendere abbonamenti come acquisti in-app all’interno di iOS. Ciò ha comportato la riduzione della commissione di transazione standard dell’App Store dal 30% al 15%. La direttiva è entrata in vigore nel settembre dello scorso anno.

Ora Google sta facendo lo stesso. Analogamente all’approccio di Apple, uno sviluppatore Android che vende un servizio di abbonamento potrà beneficiare del contributo se il cliente in questione è abbonato da più di un anno. La società prevede di attuarla a partire dal gennaio 2018.

Google sta chiaramente cercando di rimanere in competizione con Apple. Offrendo una riduzione delle sue tariffe, l’azienda assicura che i servizi di abbonamento – come ad esempio Spotify – non cerchino di aggirare il Play Store nel tentativo di evitare di pagare la percentuale. Inoltre, un simile sistema incoraggia i produttori di software a lavorare più duramente per mantenere gli utenti iscritti più a lungo, perché la riduzione non verrà applicata prima di 12 mesi.

 
Hai trovato questa notizia interessante e vuoi ricevere tutte le news di giornata per posta elettronica? Iscriviti alla newsletter di KeyforWeb.it inserendo qui sotto la tua email: