mobilegeddon

Domani 21 aprile, Google implementerà il nuovo algoritmo di ricerca, che porterà enormi benefici ai siti con versione mobile; il mobilegeddon è arrivato.

Tutti in fermento per questo cambiamento epocale, che porterà un nuovo algoritmo per le ricerche Google per consentire ai siti mobile friendly di avere una visibilità maggiore. Un evento epocale perché solitamente l’azienda non comunica mai i cambiamenti, mentre nella fattispecie, ha dichiarato ufficialmente il cambio di algoritmo dando modo agli esperti di correre ai ripari con un certo periodo di anticipo.

[

Non importa da dove verrà effettuata la ricerca: se dal telefono, dal Chrombook o dal computer desktop, i siti ottimizzati per il mobile subiranno una spinta nella classifica dei risultati di ricerca. C’è comunque una certa quantità di ansia tra gli esperti del settore e i proprietari di siti e blog:

Le modifiche apportate dal nuovo algoritmo porteranno vantaggi solamente ai siti mobile ai danni delle sole versioni desktop o c’è di più?

Al momento non sappiamo se ci saranno ulteriori cambiamenti, domani e nei giorni seguenti si avranno le prime risposte degli esperti e si potranno cominciare ad analizzare i dati organici delle ricerche di ogni sito web. Stando alle parole di Google annunciate a fine marzo, i cambiamenti saranno significativi. 

Al momento quel che si è potuto fare, per correre ai ripari, è ottimizzare il proprio sito per la visualizzazione mobile, agendo, chi attraverso il codice e chi invece tramite strumenti già compilati (plugin) per poter essere pronti al mobilegeddon.

Il link di verifica è questo: Noi siamo pronti,  e voi?

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa rubrica del lunedì – Tech Edition
Prossimo articoloGoogle svela il mistero del mostro di Loch Ness con un Doodle