Guide Locali per Google Maps

Novità sulla celebre applicazione Google Maps, il “navigatore” di casa Google, che ha segnato l’ufficiale punto di distacco tra le vecchie care mappe cartacee e il nuovo mondo digitale. L’applicazione, solo qualche anno fa, aveva la metà delle funzionalità che ha attualmente: basti pensare all’introduzione di Street View che permette ad ognuno di noi di avventurarsi per le strade delle città di tutto il mondo e, più recentemente, della possibilità tramite Street View, di visitare l’interno di alcuni punti di interesse.

La novità di oggi invece, riguarda le cosiddette “guide locali”, quella tipologia di utenti che ha aderito a questo programma ancora in fase sperimentale, che permette di inserire valutazioni, recensioni e indicazioni di svariati punti di interesse non presenti ancora sulle cartine digitali di Maps. Sembra che gli ultimi aggiornamenti abbiano aggiunto due nuove funzionalità per le guide, raggiungibili dalla scheda “Contribuisci” nella sezione “I miei Contributi”.

Queste due opzioni permettono di aggiungere informazioni mancanti su un luogo di interesse presente in Maps e di verificare i dati segnalati da altri utenti. Queste due funzioni al momento saranno disponibili solo per le Guide Locali di livello alto (4 o superiore). Inizialmente era possibile inserire soltanto luoghi che si erano effettivamente visitati mentre, da adesso, sarà possibile scegliere una zona casuale e vedere tutti i punti di interesse che necessitano di aggiornamento o verifica in quella zona, a prescindere dal fatto che si siano visitati o meno.

Queste funzionalità al momento sono presenti solo su sistema operativo Android e solo sull’ultima versione di Google Maps e, come ribadito in precedenza, sono ancora in fase beta.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAbilitare interfaccia Windows 8 like in Windows 10 Anniversary Update
Prossimo articoloJabra Elite, le prime cuffie wireless già pronte per iPhone 7 ed iPhone 7 Plus