Google Pixel Google Pixel XL

Google Pixel XL si affaccia in queste ore all’interno della nota piattaforma benchmark GFXBench, che ne rileva e condivide al pubblico le specifiche tecniche principali. Nessuna novità di rilievo all’orizzonte, bensì una ulteriore conferma di quanto chiacchierato da ormai qualche mese in merito ai nuovi smartphone Google. Che, come ormai acclarato a più riprese, metteranno da parte lo storico appellativo Nexus per far posto al più fresco ed inedito Pixel. Nome quest’ultimo già impiegato dal quartier generale di Mountain View per identificare i Chromebook e l’ultimo tablet (Pixel C, nello specifico) realizzati internamente.

Il nuovo corso non dovrebbe portar stravolgimenti nell’immediato. Gli smartphone saranno infatti realizzati in collaborazione con HTC e le specifiche tecniche – ivi incluso l’aspetto estetico – ricalcheranno pedissequamente quanto abbozzato in precedenza. Lo dimostra d’altronde la recente rilevazione di GFXBench avente ad oggetto proprio Google Pixel XL, per inciso il dispositivo da 5.5 pollici già conosciuto in rete sotto l’appellativo convenzionale di Nexus Marlin. La scheda tecnica di riferimento è pertanto la medesima, e poggia sulla presenza del trittico Snapdragon 820 di Qualcomm (o Snapdragon 821, se facciamo riferimento a qualche ricostruzione delle scorse settimane), 4 gigabyte di memoria RAM ed Android Nougat 7.0. Nulla di strano o di diverso, insomma.

Vale ad ogni modo la pena scandagliare più a fondo ed attingere ai rumors delle ultime ore al fine di completare i tasselli mancanti e snocciolare nella sua interezza la scheda tecnica di Google Pixel XL. Il rimando va, nello specifico, al comparto multimediale, verosimilmente strutturato – almeno a detta di LlabTooFeR, da sempre informato in materia di dispositivi HTC – secondo la presenza di due sensori di derivazione Sony (IMX378 e IMX179, con quest’ultimo già impiegato su Nexus 6P e OnePlus 3) da 12 e 8 megapixel.

Google Marlin sarà ad ogni modo tra i primi smartphone ad abbracciare di default il nuovo corso Android Nougat 7.0. Non il primo in assoluto, invero, giacché il primato sarà esclusiva di LG V20, già anticipato dalla stessa compagnia americana ed atteso nel corso di un evento stampa previsto a New York per domani (6 settembre, ndr). Tempistiche più dilatate invece per quanto concerne Google Pixel (Nexus Sailfish) e Google Pixel XL: le indiscrezioni puntano il dito sulla data del 4 ottobre, ma siamo sicuri che non mancheranno nel frattempo ulteriori indiscrezioni in merito. Per ingannare l’attesa e, magari, accrescere l’hype degli utenti verso il nuovo corso a sfondo mobile targato Google.

via

CONDIVIDI
Articolo precedenteNetgear WiFi Orbi estende Wi-Fi ed Internet in tutta la casa e negli spazi esterni
Prossimo articoloTV OLED BIld 9 Loewe, le prime immagini delle proposte 2017