Google Pixel 3, si scommette sulla presenza del Notch

Google Pixel 3, si scommette sulla presenza del Notch

Android P supporta nativamente il Notch, una caratteristica, se così vogliamo considerarla, che permette di integrare tutti i sensori frontali dello smartphone in una tacca sotto lo schermo. Visto che il prossimo Major Update di Android supporta nativamente questa particolare “scelta stilistica” pare sia sicura la presenza di questa feature sui futuri Google Pixel 3.

Per la presentazione dei prodotti manca ancora molto, saranno infatti rilasciati durante la fine dell’anno, magari intorno al mese di novembre. È però giunto il momento di iniziare ad elencare alcune delle possibili specifiche dei nuovi device.

Il Notch sarà una caratteristica fondamentale dei nuovi Google Pixel 3

Google Pixel 3

Nel 2017 si è iniziato a puntare seriamente sugli schermi borderless rimpicciolendo drasticamente le cornici degli smartphone. Uno dei migliori lavori è stato però applicato su iPhone X. Da qui quindi la necessità di raggruppare da qualche parte tutti i sensori, ed ecco nato il Notch.

Una soluzione intelligente che è stata presa 1:1 anche dai competitori, Huawei P20, ASUS ZenFone 5 e tantissimi altri smartphone infatti si sono ispirati in maniera marcata ad Apple ed è impossibile negarlo. Secondo alcune nuove dichiarazioni rilasciate da una fonte cinese sembrerebbe essere cosa certa che anche i nuovi Google Pixel 3 integreranno il Notch.

Le similitudini tuttavia non finirebbero qui. All’interno della gobba sarebbe integrato anche un nuovo sensore per il riconoscimento facciale 3D che permetterà di effettuare “controlli avanzati” sui dispositivi. Ultima informazione, che tuttavia tentiamo di indovinare in proprio, è la presenza di un lettore di impronte digitali a schermo e magari anche un SoC Qualcomm Snapdragon 845 a bordo.

Fonte | Digi.tech.qq