Da qualche giorno con la disponibilità Google Now per dispositivi iOS, tantissimi utenti con iPhone ed iPad colti dalla curiosità hanno scaricato per provare  il noto servizio di Google e le sue famose schede di cui i proprietari Android vanno tanto orgogliosi.

Molti però dopo i primi momenti di entusiasmo hanno lamentato un eccessivo consumo della batteria dovuto a loro dire proprio da Google Now ed in particolare dal servizio Location Server che è permanentemente attivo e non è possibile chiudere se non rimuovendo completamente l’applicazione Google Search di cui Google Now fa parte.

Il servizio Location Server è utilizzato da Google Now proprio per sapere dove il device si trova fisicamente in modo da personalizzare le varie schede come meteo ed informazioni sui luoghi nelle vicinanze e altri ancora.

Ma Google sentitasi chiamata ingiustamente in causa oggi ha risposto a questi utenti smentendo categoricamente il fatto che Google Now possa portare ad eccessivi consumi e che anzi il servizio Location Server, incriminato dagli utenti utilizza le celle telefoniche e gli hotspot Wi-fi proprio per minimizzare il consumo della batteria dei device.

Oltre a questo Google ha riportato anche la testimonianza di una sviluppatrice interna tale “Krisztina”  che ha confermato di aver utilizzato Google Now per iOS per svariati mesi senza riscontrare consumi eccessivi.

Bisognerà vedere come evolverà la situazione. Voi avete provato Google Now sui vostri device Apple? Come vi state trovando? Fateci sapere!