Potrebbe esserci un futuro Nexus 6 Plus? Durante la presentazione del Nexus 6, sono molte le persone che si aspettavano un dispositivo completo che potesse competere in tutto e per tutto con iPhone, si era parlato tanto dell’eventuale presenza di un lettore di impronte, a bordo del top di gamma Google costruito da Motorola, ma questo non è avvenuto.

A distanza di due mesi dal giorno della presentazione, e in ottica di una distribuzione massiccia del Nexus 6, la mancanza del lettore di impronte è ancora oggetto di alcune discussioni tra gli addetti ai lavori. Secondo alcuni, il lettore era in programma di essere inserito, ma causa un problema o un ritardo qualcosa è andato storto e alla fine Google, in accordo con Motorola, ha deciso di non correre rischi e di evitare l’azzardo di inserire un lettore di impronte che magari avesse avuto dei problemi e che non desse ampie garanzie di funzionamento. Così facendo, Google e Motorola hanno continuato a lavorare silenziosamente per superare i problemi e sviluppare finalmente il tanto atteso lettore di impronte. Se questo scenario fosse reale, Google e Motorola starebbero preparando una sorpresa che avrebbe del clamoroso, ma la domanda ora sarebbe:

Quale dispositivo potrebbe montare il lettore di impronte se il Nexus 6 è ormai commercializzato su vasta scala?

Rimanendo sempre nel campo delle ipotesi, l’unica risposta sensata a questa domanda sarebbe un ulteriore modello di dispositivo chiamato, magari, Nexus 6 Plus per rimanere in tema concorrenziale con Apple.

Ripetiamo che ancora nulla è ufficiale, ma si parla solamente di ipotesi, credibili ma sempre ipotesi, le quali potranno sciogliere le riserve solo in un futuro prossimo. Staremo a vedere quali saranno le mosse di Mountain View. E voi cosa pensate al riguardo? Vorreste avere un Nexus 6 Plus capace di competere in tutto e per tutto con iPhone 6 Plus?

CONDIVIDI
Articolo precedenteItaliani sempre connessi, si parte dal risveglio fino a sera
Prossimo articoloPirate Bay oscurato in tutto il globo: sequestrati i server di Stoccolma