Google migliora l’indicizzazione dei siti in versione mobile

Google migliora l’indicizzazione dei siti in versione mobile

Alla fine del 2016, il colosso Google ha iniziato a sperimentare la prima indicizzazione mobile nei risultati del motore di ricerca per fornire un’esperienza che rifletta meglio il modo in cui gli utenti utilizzano il web. Un anno dopo, BigG ha fornito un aggiornamento sullo sviluppo in corso per una “ristretta quantità di siti”.

Il passaggio all’indicizzazione mobile è dovuto al modo in cui i sistemi di scansione, indicizzazione e classificazione di Google guardano solo alla versione desktop del contenuto di una pagina. Dato che le pagine mobili non sono sempre uguali, coloro che effettuano una ricerca tramite smartphone o tablet potrebbero avere un’esperienza molto diversa dal sito completamente in funzione che l’ algoritmo ha trovato migliore per gli utenti desktop.

Come tale, l’indicizzazione mobile-first impiegherà i contenuti dalla versione mobile del sito per indicizzare e classificare, migliorando così il modo principale in cui le persone cercano le risorse oggi. I siti web con un design reattivo “generalmente non devono fare nulla”, tuttavia Google ha un elenco aggiornato di suggerimenti per garantire che i siti siano pronti per l’ indicizzazione mobile-first:

  • Assicuratevi che la versione mobile del sito abbia un contenuto importante e di alta qualità. Questo include testo, immagini (con alt-attributi) e video – nei formati normalmente disponibili e indicizzabili.
  • I dati strutturati sono importanti per l’indicizzazione e le funzioni di ricerca che gli utenti apprezzano: dovrebbero essere sia sulla versione mobile che desktop del sito. Assicurarsi che le URL all’interno dei dati strutturati siano aggiornate alla versione mobile sulle pagine mobili.
  • I metadati dovrebbero essere presenti su entrambe le versioni del sito. Esso fornisce suggerimenti sul contenuto di una pagina per indicizzare e classificare. Ad esempio, assicurarsi che titoli e metadescrizioni siano equivalenti in entrambe le versioni di tutte le pagine del sito.
  • Non sono necessarie modifiche per l’ interconnessione con URL mobili separati (siti m. -dot). Per i siti che utilizzano URL mobili separati, mantenere il collegamento rel=alternate esistente e collegare gli elementi tra queste versioni.
  • Controllare i link hreflang su URL mobili separati. Quando si utilizza il link rel=hreflang per l’ internazionalizzazione, collegare separatamente gli URL mobile e desktop. L’ hreflang di un URL mobile dovrebbe puntare alle altre versioni linguistiche/regionali su altri URL mobili, e allo stesso modo collegare il desktop con altri URL desktop utilizzando gli elementi di collegamento hreflang.
  • Assicurarsi che i server che ospitano il sito abbiano una capacità sufficiente per gestire una velocità di scansione potenzialmente maggiore. Questo non influisce sui siti che utilizzano web design reattivo e servizi dinamici, ma solo sui siti in cui la versione mobile è su un host separato, come m. example. com.
 
Hai trovato questa notizia interessante e vuoi ricevere tutte le news di giornata per posta elettronica? Iscriviti alla newsletter di KeyforWeb.it inserendo qui sotto la tua email: