L’ultimo aggiornamento di Google Maps v9.16 è da poco disponibile:  in quest’ultima release  viene introdotta la possibilità di cercare in maniera automatica alcuni punti di interesse predefiniti, oppure effettuare una deviazione durante un percorso già impostato, scegliendo una delle opzioni messe a disposizione da Google Maps.

La funzione è definita POI, già nota a tutti i possessori di un navigatore GPS: la differenza è nel database, infatti mentre nei classici navigatori i POI erano precaricati su memoria interna, in Google Maps verranno caricati in tempo reale dalla rete.

Una funzione semplice quanto utile: per utilizzarla, basterà selezionarla dal tasto in basso a destra, selezionando poi “cerca lungo il percorso” e scegliendo una tra le opzioni disponibili, tra cui distributori di carburante, ristoranti, supermercati,bar etc…

La novità consiste proprio nella funzione “cercare altri luoghi” , dove è possibile cercarli digitandoli dalla tastiera o sfruttando la dettatura vocale. Una volta avviata la ricerca, i risultati verranno visualizzati sulla mappa con tanto di nomi e tempistiche di arrivo: scegliendo di visualizzare i distributori di benzina, per esempio, verrano visualizzati i nomi della compagnia ( nella versione per gli USA vengono riportati anche i prezzi).

All’interno della mappa sono supportati panning e pinch-to-zoom, in questo modo potrete modificare facilmente le ricerche spostandovi liberamente sulla cartina per cercare eventuali punti di interesse specifici, non presenti sul tragitto principale che abbiamo stabilito, ma che con una piccola deviazione, sono alla nostra portata. Ovviamente le varie fermate intermedie in un punto di interesse, vengono riportate anche nel formato testuale di Google Maps, anche se la funzione al momento è limitata soltanto ad una.

Un aggiornamento tra i più corposi finora rilasciati da Google, rendendo ancora più completo e sempre piu in grado di competere con un classico navigatore GPS.

Ecco il Link dove scaricare l’ultima versione di Google Maps v9.16:

CONDIVIDI
Articolo precedenteApple Music: sono 6.5 milioni gli abbonamenti attivi
Prossimo articoloGoogle Books, digitalizzare libri ora è legittimo