Quando fu annunciato Inbox di Google, ho subito colto l’occasione al volo e l’ho installato. Gmail era stato il mio client di posta predefinito da anni, e non ho mai avuto alcun problema sul suo funzionamento, ma mi è piaciuto subito il concetto che voleva integrare Inbox. L’idea che il mio account di posta elettronica potesse essere più di un semplice contenitore di comunicazioni e pubblicità, e potesse diventare un elenco di attività e un sistema obiettivamente funzionale, è stato più che attraente.

Nei primi giorni, saltavo tra Gmail e Inbox, e non era del tutto a portata di mano con la mia e-mail e questo nuovo sistema, ma dopo un anno, ho finalmente fatto il passaggio ad un uso pieno di Inbox e non ho più guardato indietro. Ed ecco le mia conclusioni, dopo un anno di utilizzo pieno di Inbox.

inbox

Non è una cosa rara, trovarsi ogni giorno sommersi da email e messaggi nella nostra pagina di posta, e questo ci porta via moltissimo tempo. Bisogna entrare nella casella di posta elettronica ogni giorno, spulciando tra le e-mail promozionali, e-mail di promemoria e messaggi di posta elettronica sul monitoraggio di spedizioni. Molte volte, siamo tentati di segnalarle come spam, ma spesso non si può perché a volte è correlato al nostro lavoro, o potrebbe essere necessario non nasconderlo per rintracciarlo in seguito. Non impieghiamo tanto dell’inviare una mail, ma trattare con la casella di posta è un lavoro di routine per lo più inutile.

Facevo felicemente parte di quest’ultimo gruppo di utenti, prima di avere Inbox. Come arriva una e-mail, mi piace verificare la notifica e andare avanti. Non ci sono cartelle, nessun tag, solo un contenitore per tutto quello che un giorno potrebbe interessarmi. Google mi ha permesso di trovare rapidamente una conversazione quando ne avevo bisogno, ed era tutto ciò che veramente contava per me.

Inbox ha introdotto un nuovo modo di utilizzare la posta elettronica, ed è stato il primo passo incredibilmente facile per mettere ordine e priorità, attraverso tutte le mail inutili. Per cominciare, i risultati di ricerca per un sacco di cose finiscono spesso in risultati migliori di card-styled. C’è un pacchetto di 30 messaggi di posta elettronica promozionali, organizzate in un pacchetto, e mentre uno di loro potrebbe avere un buono per la pizza, si potrebbe desiderare di utilizzarlo questo fine settimana, so che posso cercarlo in un secondo momento, se voglio. E quando non mi servono più, toccare un pulsante, spazzare tutti quei messaggi in archivio, in un attimo, e non uno per uno. Se vedo qualcosa che sono sicuro sarà importante in seguito, ma voglio che un pop-up me lo ricordi, ho la possibilità di mettere lo snooze al messaggio. In media uso lo snooze 2-3 e-mail a settimana, e il numero di messaggi di posta elettronica con cui interagisco è sceso di molto.

Il vero MVP per me in Inbox è il pinning. Imposto tutto quello che penso potrebbe essere importante quel giorno, e posticipo o spazzo tutto il resto. Per ultimo, è possibile posticipare i rimanenti messaggi ed andare a trattarli il giorno dopo. Alla fine di ogni settimana, compare una ToDo list, con l’elenco delle cose da fare già programmate.

inbox

Inbox è speciale e moderno, e facilita di gran lunga il controllo, la gestione e l’invio delle mail per chi con le stesse ci lavora. Questo nuovo modo di gestire le mail, dà la possibilità di avere anche più account, senza avere la noia e il tempo necessario, per poterli gestire. 

Non si ridurranno il numero di email che arriveranno, non si potrà vietare alle spam o alle mail pubblicitarie di arrivare, ma Inbox è il vero strumento che ci permetterà di non farcele pesare. L’ottima gestione delle stesse, differenziandole da quelle importanti, la possibilità di gestirle in maniera intelligente ed ordinata, la velocità di eliminare quelle inutile in un secondo, e la piena personalizzazione delle ricezioni delle mail tramite promemoria o snooze, renderà la vita lavorativa tramite mail,  molto più semplice e meno snervante.

Vuoi provare Inbox? Usa il badge sottostante, è disponibile gratuitamente nel Play Store.

Badge-Google-Play