google

Google sembra essere da tempo nell’occhio del ciclone. Adesso anche la Russia lo attacca, accusandolo di violare le leggi sulla concorrenza.

FAS accusa il colosso americano di violare alcune delle leggi del Paese per quanto riguarda la concorrenza. Una storia che non ci giunge nuova ma, secondo Vladimir Kudryantsev, quello di Big G è un chiaro abuso di potere. Spiega che Google Inc e Google Ireland Limited violano le leggi in materia da quando ai produttori di dispositivi mobili creati per essere venduti in Russia, è stato imposto di accettare alcune condizioni per poter accedere al Play Store. Cioè la pre-installazione di Google Play e di molte altre app. Kundryantsev dice anche che: “Poi bisogna eseguire un’ installazione obbligatoria del motore di ricerca di “Google” per impostazione predefinita, e bisogna rispettare il divieto di pre- installazione di applicazioni di altre aziende”.

Anche Yandex, negozio online russo, è stato chiuso fuori dalle nuove condizioni imposte dall’azienda Google ed ecco che su richiesta di Yandex, FAS ha avviato verso Google un procedimento in quanto ha violato la normativo antimonopolistica.

Google rischia in pratica una multa che va dall’1 al 15% di quanto ha fatturato nel mercato interno al paese nell’anno passato, cioè quando avrebbe iniziato a violare la legge. Tutto il caso è supportato da oltre 200 volumi di documenti.

CONDIVIDI
Articolo precedenteiOS 9 raggiunge il 13% dei dispositivi compatibili
Prossimo articoloSignal, il servizio pensato da Facebook per i giornalisti